il network

Sabato 04 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

Smart working, la sfida vinta dalle imprese

Durante il lockdown sette su dieci l’hanno adottato. Era impiegato da casa fra il 25 e il 30% degli organici

Smart working, la sfida vinta dalle imprese

CREMONA (28 giugno 2020) - L’avvento dell’emergenza Covid ha imposto un’accelerazione ad una pratica che già molte aziende stavano iniziando ad attuare nell’ambito dei piani di welfare aziendale: lo smart working. Altre sono state costrette a riflettere su questa nuova forma di lavoro agile ed ora sono convinte di potenziarlo in futuro. Anche le imprese cremonesi si sono trovate di fronte alla nuova sfida. E l’hanno raccolta. Lo dimostra l’indagine effettuata dall’Associazione Industriali di Cremona a marzo, in pieno lockdown: è emerso che nel 72% dei casi delle aziende associate funzionanti c’erano lavoratori in smart working per una percentuale pari al 25%. «Con punte anche del 30% — spiega Massimiliano Falanga, direttore dell’associazione di piazza Cadorna —. Solo il 7% di aziende registrava risorse umane che operavano attraverso la modalità di lavoro agile per oltre il 75%. Numeri comunque interessanti per un territorio fatto di piccole e medie imprese, ricordando inoltre che questo tipo di organizzazione interessa molto il settore terziario, quindi soprattutto impiegatizio. Nei settori industriali è una pratica applicata anche prima dell’emergenza sanitaria, durante la quale è risultato essere fondamentale per garantire sicurezza. Così, alcune realtà ne hanno approfittato per svilupparlo ulteriormente, codificandolo come previsto dalla normativa con accordi specifici e mettendolo in pratica anche dopo il 31 luglio, data prevista dall’ultimo decreto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

27 Giugno 2020