il network

Sabato 04 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

«A scuola sicuri. Queste linee guida sono inaccettabili»

I genitori sul piede di guerra: striscioni davanti a sei istituti della città. Una serie di manifestazioni analoghe in tutte le principali città italiane

«A scuola sicuri. Queste linee guida sono inaccettabili»

CREMONA (26 giugno 2020) - Ha fatto tappa davanti alle scuole Manzoni, Stradivari, Bianca Maria Visconti, Don Primo Mazzolari, Anna Frank ed alla scuola per l’infanzia Villetta la protesta di un gruppo di genitori cremonesi che, in sintonia con un’iniziativa promossa a livello nazionale e tenuta contemporaneamente in più di cinquanta città italiane (da Milano a Padova, da Napoli a Taranto), ieri pomeriggio hanno appeso striscioni ai cancelli degli istituti frequentati dai figli.
Una manifestazione supportata dal comitato nazionale ‘Priorità alla scuola’, organizzata subito dopo che il governo ha presentato la bozza delle linee guida sulla riapertura a settembre, ancora avvolta da parecchie e significative incertezze.
«Linee guida purtroppo non accettabili - hanno ribadito ieri gli esponenti cremonesi dei comitato - perché ancora una volta tendono a scaricare su dirigenti, docenti, studenti, famiglie e personale scolastico in generale responsabilità che non competono loro: quelle che riguardano la salute e la sicurezza».«Il nostro obiettivo - precisa una delle mamme, Giorgia Cipeletti - è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi e di far sentire la nostra voce. Chiediamo che il documento presentato dal governo venga ritirato in quanto inapplicabile, e che la scuola pubblica torni al centro dell’agenda dell’esecutivo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

26 Giugno 2020