il network

Sabato 04 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

Ferraroni: «Noi, squadra di coraggiosi»

«Organizzazione messa a dura prova, ma rifornimenti garantiti ovunque grazie anche all’informatizzazione»

Ferraroni: «Noi, squadra di coraggiosi»

Maurizio Ferraroni e l'azienda di mangimi

CREMONA (26 giugno 2020) - La zootecnia è stata duramente colpita dai mesi di lockdown, ma al contempo ha saputo far emergere giorno dopo giorno la propria capacità di resilienza, riuscendo a mantenere inalterata la risposta alle necessità che arrivavano dal mercato. Grazie anche ad una filiera che ha retto l’urto, a partire dall’industria mangimistica. In quest’ultimo ambito, tra le aziende che hanno resistito alla tempesta perfetta del Covid-19 c’è Ferraroni Mangimi Spa. Sede nel comune di Bonemerse, 70 dipendenti, la Ferraroni è riuscita a soddisfare il fabbisogno dei propri clienti. Anche di allevamenti e aziende agricole situati tra Codogno e Lodi, trasformati in una notte in zona rossa. «Grazie ai nostri autisti e allo staff dell’ufficio siamo riusciti ad arrivare anche là, garantendo così il necessario rifornimento alle aziende - spiega il presidente Maurizio Ferraroni -. Come ho scritto ai nostri allevatori, esprimendo la nostra solidarietà e vicinanza, anche noi siamo stati colpiti dall’emergenza e la nostra organizzazione è stata messa a dura prova. Molti dei nostri dipendenti si sono ammalati, alcuni anche gravemente, ma fortunatamente tutti sono guariti. C’è stato un momento che se fosse mancata anche una sola persona dello staff avremmo rischiato di non potere garantire uno dei tre turni sui quali è impostato il lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

25 Giugno 2020