il network

Sabato 04 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

Covid, in provincia di Cremona ancora sei positivi

In Lombardia, la regione più colpita, si registrano 170 nuovi casi e 22 decessi nelle ultime 24 ore

Covid, in provincia di Cremona ancora sei positivi

CREMONA (25 giugno 2020) - Altri sei casi di positività al Coronavirus nelle ultime 24 ore in provincia di Cremona. Il totale degli ammalati dall'inizio della pandemia sale così a 6.596.

IN LOMBARDIA

In Lombardia, la regione più colpita, si registrano 170 nuovi casi di Coronavirus nelle ultime 24 ore, il 57,4% del totale nazionale di 296. Nell'ultima giornata anche 22 decessi sui 34 giornalieri di tutta Italia.

I dati:

-i tamponi effettuati:  9.832

- totale complessivo: 990.652

- attualmente positivi: 11.992 (-235)

– totale complessivo dei positivi riscontrati in Lombardia dall’inizio della pandemia a oggi: 93.431

– i nuovi casi positivi: 170 (di cui 53 a seguito di test sierologici effettuati a Bergamo e 84 ‘debolmente positivi’) (1.7% rapporto con i tamponi giornalieri) 

– i guariti/dimessi: 383 (totale complessivo: 64.831)

– in terapia intensiva: 48 (0) 

– i ricoverati non in terapia intensiva: 622 (-70) 

– i decessi: 22 (totale complessivo: 16.608).

I casi per provincia con la differenza rispetto a ieri:

- Milano 24.267 (+28)

- Bergamo 14.271 (+79)

- Brescia 15.543 (+24)

- Como 4.078 (+8)

- Cremona 6.596 (+6)

- Lecco 2.821 (+1) 

- Lodi 3.566 (+1)

- Mantova 3.463 (+6)

- Monza e Brianza 5.745 (+4)

- Pavia 5.554 (+5)

- Sondrio 1.575 (+6)

- Varese 3.878 (+1).

IN ITALIA

Sono 296 i nuovi casi di contagio da Coronavirus in Italia, in aumento rispetto agli ultimi giorni secondo i dati diffusi per la prima volta dal ministero della Salute. I decessi giornalieri sono 34, i guariti 614. I casi totali sono quindi ora 239.706. Gli attualmente positivi sono 18.303. Le persone in terapia intensiva 103, quattro in meno di ieri. In Emilia Romagna 47 nuovi contagiati, pesa il focolaio alla Brt di Bologna. In doppia cifra anche Liguria (14) per il cluster in una Rsa e la Campania (12) per gli infettati nella comunità bulgara di Mondragone nel Casertano. I tamponi sono in aumento rispetto a ieri a quota 56.061.

Diminuisce ancora in Italia il numero di positivi al Covid-19 e scende il numero dei tamponi. E' questo quanto emerge dall’Instant Report Covid-19, un’iniziativa dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (Altems) dell’Università Cattolica di confronto sistematico dell’andamento della diffusione del Sars-Cov-2 a livello nazionale. La percentuale di casi attualmente positivi è in discesa: al 23 giugno sono stati pari allo 0,03% del totale degli italiani (era lo 0,4% la settimana scorsa). Quanto al numero assoluto ci sono stati 19.573 positivi negli ultimi 7 giorni su un totale di 238.833. Rispetto a questo dato preso dall’inizio dell’epidemia, la percentuale di casi è leggermente incrementata, passando dallo 0,39% allo 0,40%. C'è un forte decremento del Piemonte (passato dallo 0,08% del 16 giugno allo 0,04% di questa settimana), delle Marche (passate dallo 0,07% allo 0,03%) e dell’Emilia-Romagna (dallo 0,05% sempre del 16 giugno allo 0,02%). Anche nelle altre Regioni si nota un decremento generale, che evidenza, secondo i ricercatori, la scomparsa del gradiente Nord-Sud che è stato evidente in passato. Per quanto riguarda la ricerca del virus attraverso i tamponi il trend nazionale è tornato nuovamente a scendere: rispetto alla settimana scorsa in Italia il tasso per 100.000 abitanti è passato da 6,25 a 5,93. Relativamente al tasso settimanale di nuovi tamponi, i valori più alti di questa analisi vengono registrati nelle Regioni del Nord (Veneto, Trentino-Alto-Adige, Friuli-Venezia-Giulia ed Emilia-Romagna). Il valore più basso viene registrato nella Regione Sicilia (2,48). Nello studio di Altems si evince come solo il 2,5% delle unità di gastroenterologia a livello nazionale ha proseguito l'attività senza cambiamenti durante l’emergenza Covid. Il 40% dei gastroenterologi valuta come notevole l’impatto sulle lista d’attesa; il 70% delle unità denuncia un allungamento pericoloso delle liste. Il Friuli-Venezia Giulia rappresenta la Regione che attualmente registra il rapporto più elevato tra ricoverati in terapia intensiva sui ricoverati totali (il 25%, percentuale dovuta presumibilmente a un numero di ricoverati totali basso) seguita dalla Toscana (23%). In media, in Italia, il 5,84% dei ricoverati per Covid-19 ricorre alla terapia intensiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

25 Giugno 2020