il network

Lunedì 25 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

L’amore nell’era Covid, due cuori e mascherine

Sabato 30 i primi due matrimoni celebrati in Comune dall’inizio della crisi sanitaria. Gli uffici al lavoro per garantire le condizioni di sicurezza durante la cerimonia

L’amore nell’era Covid, due cuori e mascherine

CREMONA (23 maggio 2020) - Nozze in mascherina. Dopo tre mesi di stop ritornano anche i matrimoni e le unioni civili. Sabato 30 maggio è la data di ripartenza anche per dire sì: due le cerimonie prenotate in Comune a Cremona, dove altrettante coppie inossidabili, che hanno resistito alla quarantena e al lockdown, hanno deciso di sposarsi nonostante le numerose restrizioni imposte dai decreti e alle rinunce che dovranno accettare. Ma convinte che il loro sarà certamente un matrimonio indimenticabile, - come dare loro torto -, hanno confermato agli uffici comunali l’intenzione di procedere. Più che un wedding planner però ora serve un tecnico della sicurezza per organizzare nozze a prova di Covid. Così, a Palazzo ci si sta organizzando per predisporre protocolli e rigide norme che futuri congiunti, testimoni e celebranti dovranno tassativamente rispettare.

Nonostante le tante rinunce, la ripresa dei matrimoni lancia un messaggio di speranza all’industria degli eventi: ristoratori e organizzatori eventi in primis che si sono visti rimandare o addirittura annullare numerose cerimonie. Unimpresa Moda calcola infatti che in Italia sette fidanzati su 10 avrebbero scelto di posticipare le nozze con una perdita per il settore stimato in centinaia di miglia di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

22 Maggio 2020