il network

Lunedì 25 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA. L'INCHIESTA

La testimonianza di Colombo: «La mia vita è stata rovinata»

Il racconto del venditore «messo alla porta». Ha firmato le dimissioni dal Consorzio «sotto minaccia» e spiega: «Ero caduto in depressione»

La testimonianza di Colombo: «La mia vita è stata rovinata»

CREMONA (21 maggio 2020) - «Sono stato malissimo. Mi è stata rovinata la vita. E a distanza di cinque anni, io mi chiedo ancora perché». Perché, dalla sera alla mattina, Ersilio Colombo, uno dei più quotati venditori di macchine agricole, ricercato dalla concorrenza, fosse stato messo alla porta del Consorzio Agrario, firmando le sue dimissioni sotto minaccia e ricatto. Colombo oggi ha 35 anni, ha ripreso i chili persi («Dopo la depressione sono arrivato a pesare 67 chili, ora sono tornato ai miei 80»), lavora come consulente aziendale ed è tornato a vivere.
Con la sua querela, presentata il 3 maggio del 2019, Colombo ha dato il via all’indagine per estorsione aggravata nei confronti di Paolo Voltini, «potente» presidente del Consorzio Agrario, di Coldiretti Cremona e Coldiretti Lombardia, ora interdetto per dodici mesi dalle cariche. Con Voltini, è accusato di estorsione aggravata anche Tullo Soregaroli, responsabile del personale...

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

21 Maggio 2020

Commenti all'articolo

  • la talpa

    2020/05/21 - 13:58

    Solo 12 mesi? Sollevarlo da tutti gli incarichi per sempre …...

    Rispondi

  • germana

    2020/05/21 - 12:36

    finalmente giustizia è stata fatta, però a che prezzo.

    Rispondi

  • graziano

    2020/05/21 - 09:25

    Nessun commento, vero? Qui si commentano solo le notizie riguardanti i cani che fanno i bisogni in strada.

    Rispondi

    • Mino

      2020/05/22 - 06:56

      @Graziano. Sei nato, abiti e vivi a Cremona? Se si, dovresti conoscere i cremonesi. pusillanimi e nepotisti. In maggioranza 'buonisti' con i loro simili di sinistra. Assistenzialisti, con i soldi dello stato a favore di lavoratori in nero e lazzaroni sistemici, immigrati illegali e Rom. Quindi' non ti meravigliare se pochi hanno il coraggio di postare commenti ed opinioni, in qualsiasi campo.

      Rispondi

      • graziano

        2020/05/22 - 08:42

        Sì, sono nato, abito e vivo a Cremona. Infatti è come hai scritto te. E non mi riconosco per niente nei miei concittadini.

        Rispondi

        • Mino

          2020/05/22 - 09:52

          @Graziano. Grazie. Se io fossi a Cremoma ti stringerei la mano!

          Rispondi