il network

Venerdì 29 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Prima del «paziente 1» già 59 cremonesi erano stati contagiati

Analizzata la diffusione dell’infezione prima del caso di Mattia, identificato il 19 febbraio. Cremona, Paderno Ponchielli e Crema i primi Comuni della provincia ad essere colpiti

Prima del «paziente 1» già 59 cremonesi erano stati contagiati

CREMONA (31 marzo 2020) - «L’epidemia si è aggirata indisturbata probabilmente per almeno venti giorni e poi è esplosa tutta insieme», ha spiegato l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, nei giorni scorsi. Oggi è possibile dare dei contorni più precisi a questa ipotesi: 385 persone positive al Coronavirus circolavano in Lombardia prima del 19 febbraio, giorno in cui è stato identificato il «paziente uno» di Codogno in Mattia, il 38enne dirigente dell’Unilever di Casalpusterlengo. E di queste 385, 59 sono residenti in provincia di Cremona. È quanto emerge da un nuovo studio italiano che ha cercato di ricostruire le dinamiche del contagio considerando anche il periodo precedente allo scoppio della pandemia, dunque il mese di gennaio e la prima metà di febbraio. Tale studio al momento è al vaglio della comunità scientifica, ma è stato realizzato da autori di primo livello tra cui Danilo Cereda, direttore della struttura malattie infettive della Regione Lombardia, e Marcello Tirani, del dipartimento di igiene e medicina preventiva dell’Ats di Pavia, in collaborazione con l’Ats Valpadana. Lo studio ha analizzato i primi 5.830 casi confermati di Coronavirus in Lombardia in un arco di tempo compreso tra il 14 gennaio e l’8 marzo, suddiviso in tre periodi: il primo considera i pazienti sintomatici prima del 19 febbraio, il secondo quelli dal 20 al 25 febbraio e il terzo dal 26 febbraio all’8 marzo. In questo modo gli autori sono riusciti a realizzare la prima caratterizzazione epidemiologica della diffusione di Covid-19 in un Paese occidentale. 

Prima del «paziente 1» già 59 cremonesi erano stati contagiati. Per quanto riguarda la provincia di Cremona, i primi casi sintomatici sono fatti risalire al 5 febbraio e sono uno a Crema, un altro a Paderno Ponchielli e un numero compreso fra due e cinque a Cremona. Il 15 i casi, oltre ai comuni già toccati, hanno coinvolto tutta l’area intorno al capoluogo: Spinadesco, Sesto, Castelverde, Bonemerse, Stagno Lombardo, Pieve d’Olmi. E poi Casalbuttano, Soresina, San Bassano e Pizzighettone. E, nel Cremasco, Romanengo. Fra i Comuni toccati il 15 febbraio c’è anche il bresciano Orzinuovi, dove nelle settimane seguenti è divampato un focolaio consistente. Ed è proprio il triangolo Codogno-Cremona-Orzinuovi che ha incuriosito i ricercatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

30 Marzo 2020

Commenti all'articolo

  • ANNA

    2020/03/31 - 11:45

    dovrebbero partire da novembre-dicembre. come ormai noto le polmoniti segnalate "difficili da guarire" erano già attive a quell'epoca.

    Rispondi