il network

Giovedì 28 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, la comunità albanese: «Noi, al vostro fianco»

Minina: «Ci avete aiutato, ora tocca a noi. Il premier Rama nel suo video ci ha emozionato»

Coronavirus, la comunità albanese: «Noi, al vostro fianco»

Ledi Minina, esponente della Comunità Albanese

CREMONA (31 marzo 2020) -  Alle 3,52 del 26 novembre scorso, una violenta scossa di magnitudo 6.5 fece tremare l’Albania. Ne seguirono altre. Epicentro: Durazzo. Paura, caos, morte. Il più forte terremoto nei precedenti 40 anni, provocò 51 morti, più di tremila feriti. «Voglio ringraziare il popolo italiano e le sue istituzioni per il grande contributo in questa tragedia. Il ringraziamento è doveroso non solo per le squadre altamente professionali che sono al lavoro in questo momento, ma per tutto quello che l’Italia sta facendo per affrontare questa tragedia», dichiarò il presidente della Repubblica albanese, Ilir Meta. Ora, l’Albania ricambia.

Il video (diventato virale) girato sabato scorso dal premier, Edim Rama, all’aeroporto di Tirana, salutando il team di 30 medici e infermieri già in Italia in aiuto ai colleghi nella guerra al Coronavirus, ha emozionato gli italiani, ma anche gli oltre duemila albanesi che vivono a Cremona e in provincia. Come Ledi Minina, sorella di Shpresa, lei presidente della comunità albanese.
«La verità è che il premier Rama a noi non è molto simpatico per alcune cose che ha fatto – afferma Ledi Minina — , ma per essere realistici, in questo video ha guadagnato milioni di punti e ci ha emozionato».
Nel suo discorso, Rama aveva detto: «Non siamo privi di memoria: non possiamo non dimostrare all’Italia che l’Albania e gli albanesi non abbandonano mai un proprio amico in difficoltà. Oggi siamo tutti italiani e l’Italia deve vincere, vincerà questa guerra anche per noi, per l’Europa e il mondo intero. I ricchi si chiudono, noi non dimentichiamo chi ci ha aiutato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

30 Marzo 2020