il network

Venerdì 29 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, un cremonese su 2 continua ad uscire

I dati della provincia nel monitoraggio regionale: calo nei weekend

Coronavirus, un cremonese su 2 continua ad uscire

CREMONA (29 marzo 2020) - Anche adesso, nella fase più acuta dell’emergenza Coronavirus, un cremonese su due non rimane in casa, ma continua a spostarsi. Questo mentre il dato lombardo è invece calato fino al 36%. È quanto rivelano i dati dell’apposito monitoraggio condotto dalla Regione Lombardia analizzando i cellulari di tutta la provincia. La rilevazione avviene grazie alla collaborazione delle società telefoniche: quando ci si sposta con uno smartphone in tasca, questo cerca costantemente i ripetitori più vicini a cui collegarsi per mantenere il segnale. Vedendo le celle che vengono agganciate e il passaggio da una cella all’altra, si può mappare il traffico delle persone su un territorio. I dati sono raccolti in forma aggregata e anonima nel rispetto della legge sulla privacy.
Va detto che questo è un monitoraggio quantitativo, non qualitativo. Ossia dà conto del volume degli spostamenti (di almeno 500 metri) sul territorio, ma non delle ragioni di quegli spostamenti. I dati rilevano e mettono insieme sia i trasgressori e gli incauti che chi è obbligato a muoversi perché la sua attività lavorativa non è stata fermata dal decreto del Governo. E che una larga parte di cremonesi si muova ancora di casa non per scelta, ma perché deve recarsi al lavoro lo si vede bene prendendo in esame i volumi registrati nei fine settimana, quando gli spostamenti toccano il punto più basso, allineandosi ai valori lombardi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

28 Marzo 2020