Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA. VERTICE ANTIMAFIA

Infiltrazioni criminali: l’allarme del Procuratore di Cremona

Iniziato nella Sala dei Quadri di palazzo comunale l’incontro fra il prefetto Vito Danilo Gagliardi, le forze dell’ordine, la Procura della Repubblica e la Dia (Direzione investigativa antimafia) con i sindaci del Cremonese

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

24 Settembre 2019 - 11:10

Vertice antimafia, in Comune primo confronto

Il vertice antimafia in palazzo comunale

CREMONA (24 SETTEMBRE 2019) - E' iniziato nella Sala dei Quadri di palazzo comunale l’incontro fra il prefetto Vito Danilo Gagliardi, le forze dell’ordine, la Procura della Repubblica e la Dia (Direzione investigativa antimafia) con i sindaci del Cremonese sul tema del rischio delle infiltrazioni criminali nelle amministrazioni comunali e nel territorio.

Oltre ai sindaci della provincia, presenti il questore Carla Melloni, il comandante provinciale dei carabinieri, tenente colonnello Marco Piccoli, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Cesare Maragoni e il comandante della Direzione Investigativa Antimafia - Sezione Operativa di Brescia. Si tratta del primo di una serie di confronti che il prefetto ha voluto con l’obiettivo dell’attenzione e con il coinvolgimento degli amministratori, vere sentinelle nei territori.
Domani vertice a Crema con i rappresentanti dei Comuni del Cremasco, in municipio; e il primo ottobre a Casalmaggiore, sempre a palazzo comunale, con i sindaci dell’area casalasca.

“Il mafioso oggi non si presenta con la coppola, la lupara e atti violenti, ma con denaro contante da ‘lavare’ acquistando attività pulite: il riciclaggio è il primo obiettivo delle organizzazioni criminali. Compito di ogni pubblico amministratore è monitorare e segnalare qualsiasi movimento sospetto di denaro”, ha sottolineato Roberto Pellicano, procuratore della Repubblica di Cremona, durante l’incontro con i sindaci del territorio cremonese promosso dal prefetto Vito Danilo Gagliardi, insieme ai vertici delle forze dell’ordine e alla Dia - Direzione investigativa antimafia.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400