Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Questuanti per professione

Lui in centro città, lei appostata al cimitero Maggiore

maria grazia teschi

Email:

mteschi@laprovinciacr.it

06 Settembre 2014 - 10:07

Questuanti per professione

A destra l’arrivo in città dei questuanti di professione

CREMA - Ecco come operano i professionisti dell’accattonaggio che hanno fatto della città, e in particolare del centro storico e del cimitero Maggiore, il loro punto di riferimento per la richiesta di elemosina. Ogni mattina, o quasi, come si evince anche dalla fotografia che riportiamo in pagina, scattata da un cittadino cremasco venerdì poco prima delle 9, un furgone accompagna l’anziano e la donna in centro. Qui scende l’uomo con il cappello, figura ormai familiare a chi vive e lavora tra piazza Marconi, piazza Duomo e il quadrilatero della moda. Poi il furgone prosegue, per scaricare la donna all’ingresso del camposanto. Terminato il loro turno di accattonaggio i due vengono probabilmente recuperati dal medesimo furgone, ma in altre giornate salgono a bordo di una berlina di grossa cilindrata. L’uomo, piccolo di statura e sempre vestito con abiti piuttosto antiquati, si sistema spesso all’ingresso posteriore di piazza Duomo a pochi passi dal famedio. Con una voce roca e stentata, tanto che spesso si fatica a comprendere cosa dice, chiede l’elemosina ai passanti. Non è insistente e nemmeno aggressivo.
La donna, invece, staziona al cimitero, spesso seduta a fianco del cancello dell’ingresso principale. I due non sono gli unici a chiedere l’elemosina in città, ma sembrano a tutti gli effetti i meglio organizzati e di certo si conoscono, forse tra loro c’è anche una parentela. Il fenomeno dell’accattonaggio in città è sicuramente aumentato negli ultimi mesi. In qualche caso ci sono stati anche episodi spiacevoli legati alle intemperanze di chi chiede la carità nei confronti di passanti. Domandare qualche spicciolo non è un reato e chi lo fa non è perseguibile dalla legge. Sta poi alla sensibilità, alle convinzioni e alla carità cristiana di ogni cittadino decidere come comportarsi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400