Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Incidente mortale, Panda 'sbagliata': assolta la conducente

E dopo sei anni resta il mistero sulla vettura che provocò il sinistro nel quale perse la vita Massimo Brunetti

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

19 Maggio 2014 - 19:40

Incidente mortale, Panda 'sbagliata': assolta la conducente

Il tribunale di Cremona

CREMA - Il 28 luglio del 2008 non era lei alla guida della Fiat Panda di colore beige, vecchio modello, che all’altezza del parcheggio del centro commerciale Ld, causò un incidente, nel quale perse la vita il centauro Massimo Brunetti, 31 anni, operaio di Crema. Maria era sì al volante di una Panda, ma era di colore grigio ed era il modello nuovo. Nell’accogliere le argomentazioni del difensore Marco Severgnini, il giudice Pierpaolo Beluzzi ha assolto Maria Maddalena, 63enne di Izano, dall’accusa di omicidio colposo «per non aver commesso il fatto».

Nel processo, attraverso i testimoni è stato accertato che Maria Maddalena era sì presente in zona al momento dell’incidente, ma su un’auto diversa da quella che sia per la difesa sia per il giudice, non causò il sinistro e che non è mai stata individuata. Dopo sei anni resta il mistero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400