Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

AGNADELLO

Defibrillatore fermo dopo aver salvato una donna

Preventivo sbagliato per la manutenzione, necessaria quando viene impiegato

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

01 Febbraio 2021 - 07:44

Defibrillatore fermo dopo aver salvato una donna

AGNADELLO (1 febbraio 2021) - «Riattivate il defibrillatore, perché ha appena salvato una vita e ne può salvare altre». Lo chiedono i residenti. Da giorni sulla teca di piazza Castello, all’interno della quale è posizionato un defibrillatore semiautomatico (Dae), apparecchio in capo al Comune, c'è un cartello che recita «Fuori servizio». Nelle scorse settimane in via Dante, un’anziana si era accasciata a terra colpita da un malore. Soccorsa da una ragazza, le sue condizioni erano sembrate subito gravi. Immediata la telefonata al numero di emergenza. Nel frattempo più persone avevano fatto capannello sul posto fra le quali due artigiani, di passaggio: stando ai racconti di alcuni testimoni sono stati proprio loro ad utilizzare sulla donna il defibrillatore che nel frattempo altri erano andati a prendere in piazza. Il Dae si è rivelato fondamentale per tenere in vita l’anziana sino all’arrivo dei sanitari del 118, che l’hanno trasferita all’ospedale di Crema. Poi, l’apparecchio è stato rimesso al suo posto, ma da allora è fuori servizio. Una volta utilizzato per un intervento piastre e batterie vanno infatti cambiati. Ecco il perché del cartello «Fuori servizio». L’amministrazione comunale fa sapere che si sta provvedendo al ripristino. «Il ritardo — spiega il vicesindaco Cesare Parisciani — è dovuto ad un disguido. È stato chiesto ad una ditta un preventivo di spesa, che però ci è arrivato sbagliato. E non appena avremo il preventivo ufficiale per il ripristino di batterie e piastre, provvederemo all’impegno di spesa e alla riattivazione del defibrillatore».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400