Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA. TRENI DA INCUBO

I pendolari: «La vita in ritardo perenne»

Bilancio di un anno: chi viaggia sui principali diretti per Milano ha sprecato 24 ore in 200 giorni lavorativi

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

19 Gennaio 2021 - 07:17

I pendolari: «La vita in ritardo perenne»

CREMA (19 gennaio 2021) - Un giorno di vita buttato causa ritardi dei treni. Capita a coloro che lavorano o studiano a Milano: il calcolo l’ha fatto il comitato dei pendolari cremaschi. Nei giorni scorsi ha prodotto il report statistico sul servizio nell’anno da poco concluso. L’indagine, prende ad esempio due dei convogli più utilizzati dai viaggiatori abituali che risiedono in città, ma anche negli altri paesi che hanno stazioni lungo la linea Cremona-Treviglio-Milano. Si tratta del diretto 10606 (ex 10458) che parte alle 6,34 da Cremona, ferma alle 7,20 da Crema e poi prosegue sino a Milano senza cambio a Treviglio. Per il viaggio di ritorno è stato preso in considerazione il 10607 (ex 10481) delle 17,54 da Lambrate, atteso a Crema alle 18,41. Nel 2020 il ritardo complessivo, calcolato su 200 giorni lavorativi, accumulato da questi due treni è stato appunto di 24 ore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400