Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, didattica online: allo Sraffa di Crema il 30% non fa lezione

La dirigente Di Paolantonio: 'C'è chi non ha gli strumenti'

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

07 Maggio 2020 - 06:29

Coronavirus, didattica online: allo Sraffa di Crema il 30% non fa lezione

CREMA (7 maggio 2020) - «Circa il 30% dei nostri studenti (poco meno di 1.200) non partecipa alle lezioni digitali, ma siamo sempre al lavoro per poterli recuperare. La maggior parte dei ragazzi si applica con l’uso di smartphone, perché purtroppo molte famiglie non dispongono di un computer a casa e alcune hanno una connettività limitata». Roberta Di Paolantonio, dirigente scolastica dell’istituto superiore Sraffa e della sezione associata Marazzi (istituto professionale), evidenzia uno dei problemi che la didattica a distanza lamenta e che spesso viene taciuto. Come accade in tutte le scuole, molti alunni non sono dotati della strumentazione necessaria, oppure hanno una quantità di Giga mensili non sufficiente a seguire tutte le lezioni online. In alcune famiglie, l’unico computer serve sia per lo studente sia per uno dei genitori che lavora in smart working. Le ottimistiche affermazioni del ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, si scontrano con una realtà che, spesso, soltanto la buona volontà dei docenti e l’organizzazione delle scuole riesce a far sembrare sostenibile.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • annacarra86

    07 Maggio 2020 - 12:03

    la scoperta dell'acqua calda

    Report

    Rispondi