Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, a Crema iniziata la distribuzione delle mascherine

Casa per casa, inserendole nelle cassette della posta, in dotazione al Comune grazie alle donazioni degli ultimi giorni

foto: Marinoni

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

03 Aprile 2020 - 09:47

Coronavirus, a Crema iniziata la distribuzione delle mascherine

CREMA (3 aprile 2020) - E' iniziata da via D'Andrea a Ombriano, con la riunione operativa capitanata dal sindaco Stefania Bonaldi, l'operazione della distribuzione alla cittadinanza delle 25 mila mascherine chirurgiche protettive. Casa per casa, inserendole nelle cassette della posta, in dotazione al Comune grazie alle donazioni degli ultimi giorni. In particolare, vengono consegnate ai residenti quelle arrivate dalla metropoli cinese gemellata di Nanning, un carico di 20 mila pezzi, ottenuto grazie all’Italian promotion center, l’associazione Made in Crema che da quattro anni segue i rapporti economici, turistici e culturali con la città del sud est della Repubblica popolare. «Dobbiamo inoltre ringraziare — sottolinea il sindaco Bonaldi — un manager cremasco residente all’estero, con l’apprezzatissima mediazione e il supporto, anche logistico, del nostro concittadino Beppe Severgnini». Ad accompagnare i volontari della protezione civile Lo Sparviere ci sono anche gli agenti della polizia locale e componenti dell’Acismon (Corpo volontario ausiliario dell’esercito per l’assistenza sanitaria ed umanitaria) di stanza a Crema, che si sono resi disponibili per organizzare la consegna. La distribuzione viene sempre seguita da una o più auto della polizia locale con altoparlante per mettere a conoscenza i cittadini della consegna, invitandoli a restare nelle loro abitazioni. «Ringrazio la città di Nanning ed il manager cremasco che ci hanno fornito questa importante dotazione di mascherine chirurgiche — conclude Bonaldi — tale da consentire una distribuzione diffusa. Doteremo di 2-3 pezzi ogni famiglia, cercando di essere il più possibili capillari grazie alle forze in campo. Ci auguriamo di riuscire a raggiungere quanti più nuclei possibili; d’altro canto questo tipo di distribuzione è l’unica possibile data la situazione e il contesto».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • riboli33

    07 Aprile 2020 - 19:38

    nella zona di S.Bartolomeo le mascherine non si sono viste. perchè?

    Report

    Rispondi