Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA. LA POLEMICA

"Scuole a pezzi ma dal Comune soldi per il Voltini"

Il consigliere de La Sinistra contro la decisione di investire altri 300mila euro per lo stadio: «Il degrado degli edifici è evidente»

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

02 Gennaio 2020 - 08:07

"Scuole a pezzi ma dal Comune soldi per il Voltini"

Una foto scattata dal consigliere comunale de La Sinistra Emanuele Coti Zelati

CREMA (2 gennaio 2020) - «Le scuole della città cadono a pezzi e il Comune spenderà 300 mila euro per l’illuminazione dello stadio Voltini». Ad inaugurare le polemiche politiche dell’anno nuovo è Emanuele Coti Zelati, consigliere comunale del gruppo La Sinistra, fino al marzo scorso in maggioranza e ora all’opposizione. «Siamo lieti per la promozione della Pergolettese – afferma Coti Zelati - e riteniamo che sia certamente un valore aggiunto per la città, ma crediamo che le priorità siano altre. E’ incredibile quello che sta emergendo durante il giro di sopralluoghi che, come consigliere comunale, sto effettuando nelle scuole dell’infanzia, primarie e medie, per le quali il Comune ha la responsabilità della manutenzione». L’esponente de La Sinistra critica le scelte della giunta: «In pochi mesi l’amministrazione guidata da Stefania Bonaldi è riuscita a trovare i soldi per l’illuminazione dello stadio, perché la Federazione impone una scadenza di adeguamento a febbraio, ma a nulla sono serviti finora i solleciti e le richieste delle scuole. Ad oggi appare incredibile quello che sta avvenendo, ad esempio, alla media Galmozzi. Secondo il responsabile della sicurezza, la recinzione in mattoni della scuola, alta tre metri e lunga 150, è pericolosamente inclinata verso il giardino interno. Si aspetta forse che crolli addosso a qualche ragazzino o a qualche auto parcheggiata nella via?». La denuncia di Coti Zelati prosegue con altri esempi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400