Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

«Fu tentato omicidio al parco»

La Procura chiede il rinvio a giudizio del 19enne finito in carcere per aver conficcato un cacciavite nel petto a un disoccupato cremasco durante una discussione al campo di Marte, il 16 dicembre l’udienza preliminare

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

13 Novembre 2019 - 07:56

«Fu tentato omicidio al parco»

Nella foto di repertorio, una pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri di Crema all’interno del Campo di Marte

CREMA (13 novembre 2019) - Per la procura della Repubblica di Cremona fu tentato omicidio. Ossia l’accusa, con la quale i magistrati inquirenti hanno chiesto il rinvio a giudizio di Mamadou Ndiaye Pape, il 19enne di origini senegalesi, accusato di aver conficcato un cacciavite a pochi centimetri dal cuore di un 46enne cremasco. Per quell’episodio, che risale all’8 novembre dello scorso anno a Campo di Marte, il disoccupato di origine africana, residente in città con la famiglia, è in carcere dal 5 aprile. Mentre colui che stramazzò a terra, poco dopo il fendente, è rimasto ricoverato per settimane e verrà anche sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Tra poco più di un mese, il 16 dicembre, il giudice dell’udienza preliminare Pierpaolo Beluzzi sarà chiamato a pronunciarsi sull’istanza avanzata dalla procura, ma anche sull’ipotesi di reato di «porto di oggetto atto ad offendere», appunto il cacciavite, formulata nei confronti del cremasco, al quale l’attrezzo sarebbe appartenuto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400