Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA E MADIGNANO

Padre Gigi, una pista per le ricerche

Il missionario è stato rapito in Niger nel settembre del 2018, secondo indiscrezioni Farnesina e intelligence sono al lavoro nel massimo riserbo

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

29 Ottobre 2019 - 07:30

Padre Gigi, una pista per le ricerche

CREMA (29 ottobre 2019) - Se parlare di trattativa potrebbe essere fuorviante, perlomeno una pista ci sarebbe e ben precisa. La Farnesina sta lavorando nel massimo riserbo al caso del sequestro di padre Pierluigi Maccalli, il missionario 58enne originario di Madignano, catturato da un commando armato, in Niger, il 17 settembre dello scorso anno. L’indiscrezione giunge da fonti ben inserite nei palazzi romani e trova conferma indiretta nella cortina di riservatezza immediatamente eretta attorno alla vicenda. A più riprese, religiosi africani hanno comunque assicurato, negli ultimi mesi, che padre Gigi «è vivo», senza poter però aggiungere altro, «per ragioni di sicurezza». Il più esplicito era stato il vescovo della capitale Niamey, monsignor Djalwana Laurent Lompo: «Padre Pierluigi sta bene». Mentre le varie richieste di informazioni, rivolte al ministero degli Esteri da parlamentari (anche di maggioranza), si sono arenate di fronte alla consegna del silenzio, tipica di attività di indagine tutt’altro che al palo. Insomma, la diplomazia e le strutture dell’intelligence sarebbero in piena attività.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400