Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IZANO

Scacco alla banda dei sinti

Quattro nomadi finiscono in manette, inseguimento rocambolesco con tre posti di blocco forzati

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

07 Agosto 2019 - 17:47

Scacco alla banda dei sinti

IZANO (7 agosto 2019) - Scacco alla banda dei sinti. In quattro, tre uomini e una donna, fra i 32 e i 55 anni, sono stati arrestati ieri mattina con la refurtiva del saccheggio, avvenuto poco prima in un’abitazione di Izano. La loro auto, peraltro, era già stata avvistata in paese il giorno precedente, in occasione di un altro furto, sventato. Ma prima che scattassero le manette, sono stati ben tre i posti di blocco forzati dai fuggitivi, a bordo di due diverse vetture, una delle quali intestata ad un prestanome e sulla quale erano state montate targhe clonate: vale a dire la copia perfetta dei contrassegni di un altro modello simile, intestato ad un ignaro automobilista. Trascorso il pomeriggio e la nottata in camera di sicurezza, ieri gli arrestati sono stati giudicati per direttissima. Le pene inflitte loro vanno dai due anni, ai sette mesi di reclusione. Non le sconteranno in cella: è stato disposto l’obbligo di dimora per due dei fermati e quello di presentarsi ogni giorno alla caserma del comune di residenza per la donna e il giovane trovato in auto con lei. Nei loro confronti non è stato contestato il furto, ma la resistenza e per i primi due la ricettazione di quanto lanciato dal finestrino durante la fuga, non essendoci prove certe che abbiano materialmente commesso il saccheggio di Izano.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 3698

    08 Agosto 2019 - 14:05

    il solito <buonismo> inacettabile….forse dovevano uccidere per essere giudicati più severamente

    Report

    Rispondi

  • spippomv

    07 Agosto 2019 - 22:40

    La vera feccia umana....

    Report

    Rispondi

  • 1074roma

    07 Agosto 2019 - 21:57

    Complimenti alle forze dell'ordine. Purtroppo saranno già liberi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti