Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

REDDITO DI CITTADINANZA

A Cremona, Crema e Casalmaggiore esordio ordinato e senza file

Mercoledì 6 marzo il primo giorno utile per presentare domanda. Un po’ di trambusto solo in via Cardinal Massaia a Cremona, dove hanno sede le Acli

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

06 Marzo 2019 - 19:25

A Cremona, Crema e Casalmaggiore esordio ordinato e senza file

Macchine organizzative preparate ad affrontare lo tsunami, che però non è arrivato. È filato senza particolari problemi nei Centri di assistenza fiscale di Cremona, Crema e Casalmaggiore il primo giorno utile per presentare domanda per il reddito di cittadinanza.

Un po’ di trambusto c’è stato in via Cardinal Massaia a Cremona, dove hanno sede le Acli. Prima dell’apertura degli sportelli, alle 8,30 di mercoledì 6 marzo, infatti, si era radunata in attesa una piccola folla, smaltita durante la mattinata. Al momento di aprire le porte e fare entrare tutti c’è stata la corsa al posto e, nel parapiglia, è volata forse qualche spinta e qualche parola. Particolarmente esagitato - spiegano dalle Acli - un 50enne, italiano, già conosciuto alle forze dell’ordine, che ha continuato ad inveire per un pezzo. Per calmare gli animi sono intervenute le pattuglie di carabinieri, polizia e vigili urbani. 

Rimandata a Crema, almeno per ora, la corsa agli sportelli di chi, in condizioni di difficoltà economica, fa appello a un aiuto da parte del governo, sia in termini di fondi, sia di supporto nella ricerca dell’occupazione. Nei Caf convenzionati e agli sportelli di Poste Italiane di Crema, niente code chilometriche. Complici, anche le strategie di organizzazione e gestione del pubblico che gli stessi uffici Acli, Cgil e Movimento Cristiano Lavoratori, accanto a Poste, stanno mettendo in campo.

Affluenza nella norma tra Casalmaggiore e Viadana per le prime pratiche del redditto di cittadinanza. Alla Cgil di Casalmaggiore sono una decina le persone che hanno già preso appuntamento per inoltrare la domanda. Per quanto riguarda il Caf della Cisl di Casalmaggiore in via Guerrazzi sono state una trentina le pratiche lavorate.

Sul giornale La Provincia di giovedì 7 marzo ampio servizio di due pagine.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 676

    07 Marzo 2019 - 06:05

    Decollata la folle beneficenza: il decreto piu' pazzo del mondo!

    Report

    Rispondi

    • kgraffittarok

      07 Marzo 2019 - 14:22

      prima di criticare vediamo i risultati tra un anno.

      Report

      Rispondi

      • 676

        07 Marzo 2019 - 23:38

        Soldi a rom ed immigrati, questi i risultati che bastano e avanzano!

        Report

        Rispondi