Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SONCINO. ARTE

Unghioni dei Campi. I capolavori salvati da Argo

L’ associazione culturale e la parrocchia danno il via al restauro delle opere cinquecentesche. Danneggiate negli anni ‘60 e poi dimenticate

Fabio Guerreschi

Email:

fguerreschi@laprovinciacr.it

27 Ottobre 2018 - 12:15

Unghioni dei Campi. I capolavori salvati da Argo

SONCINO - Sei inestimabili tele cinquecentesche salvate grazie a cittadini, volontari e parrocchia. Si tratta delle opere dei ‘Fratelli Campi’, rovinate sessant’anni fa da un frettoloso restauro. L’impegno di Argo, Chiesa e Soprintendenza è stato ripagato: gli unghioni sono stati spediti alla scuola di restauro di Botticino e presto torneranno al loro antico splendore.

Tutto ha inizio nel 2013, dopo lo strepitoso successo della raccolta firme de ‘I luoghi del cuore’ del Fai per valorizzare la chiesa di Santa Maria delle Grazie. Da parte di alcune associazioni di Soncino, cioè Argo, Acli, Gruppo H e Pro Loco, ne è scaturita la proposta di intervenire con un’operazione di salvaguardia dei sei unghioni del Campi, pitture sacre del XVI secolo, erose dal tempo e dagli agenti atmosferici. Nei giorni scorsi è arrivato anche l’ok della Soprintendenza e ora le opere sono nelle mani dei restauratori di Botticino, considerati tra i professionisti più esperti del Paese.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400