Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SONCINO

La scuola al Comune: nelle aule vogliamo il crocifisso

E l’amministrazione ne compra 35 per elementari e medie. Il preside: richiesta legittima del consiglio. La politica tutta d’accordo tranne Urgesi

Fabio Guerreschi

Email:

fguerreschi@laprovinciacr.it

29 Agosto 2018 - 07:59

La scuola al Comune: nelle aule vogliamo il crocifisso

SONCINO - Un crocifisso in ogni aula della scuola pubblica del borgo, sia alle medie che alle elementari. Una scelta legittima, ma che fa discutere. La decisione arriva dal consiglio docenti, approvata dal dirigente scolastico e avallata dal Comune, che li ha comprati. Per Pietro Bacecchi, preside dell’istituto comprensivo Giovanni XXIII si tratta di una presa di posizione in difesa della cultura: «Oltre che un simbolo religioso, il crocifisso è espressione dei nostri valori culturali, anche laici, quali tolleranza, compassione, inclusione, aiuto del prossimo. Non offende le altre confessioni, credo sia una scelta legittima».

Non la pensa così la minoranza di BuongiornoSoncino. Per Carla Urgesi: «La scuola è laica e usare i soldi dei cittadini di diverse confessioni per comprare un simbolo religioso è sbagliato. Ma il collegio avrà certamente espresso il sentire comune della maggior parte dei genitori, quindi rispettiamo ma non condividiamo». Mentre, un po’ a sorpresa, il centro-sinistra di Gabriele Moro è favorevole, ma con una lettura in chiave anti-xenofoba: «Aderiamo pienamente alla difesa della laicità dello stato, però interpretiamo la scelta della scuola come una volontà di riportare al centro i valori umani della solidarietà e dell’accoglienza, a differenza di chi ostenta simboli senza tenere in considerazione cosa rappresentano».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400