Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Gdf, sequestro di beni per 350 mila euro nei confronti di 4 cittadini cinesi

L'operazione 'Scatole cinesi' giunge al termine delle indagini volte a inchiodare Y.S. per evasione sistematica delle imposte

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

30 Maggio 2017 - 10:40

Gdf, sequestro di beni per 350 mila euro nei confronti di 4 cittadini cinesi

CREMA - Nei giorni scorsi la Tenenza di Crema ha proceduto al sequestro di 2 abitazioni, 4 autovetture e conti correnti (fino a concorrenza di 350.000 euro) intestati a Y.S. cittadino cinese, gravato da precedenti penali e di polizia, e di altri 3 prestanome suoi connazionali.

L’operazione delle Fiamme Gialle giunge al termine delle indagini volte a ricostruire lo schema criminale messo in atto da Y.S. per evadere sistematicamente le imposte. L’imprenditore gestiva di fatto 3 ditte individuali specializzate nel campo del confezionamento tessile che non hanno dichiarato ricavi per circa 4 milioni di euro. Le imprese sono risultate in tutto o in parte evasori totali. Infatti, una volta avviate, operavano 2-3 anni, ottemperando in minima parte agli obblighi fiscali solo per il primo anno, eclissandosi agli occhi del Fisco negli anni successivi. Le attività commerciali erano tutte fittiziamente intestate a 3 connazionali prestanome che, dopo aver chiuso formalmente l’attività, sparivano dal territorio cremasco.

In un caso, è stato appurato come nell’occasione dell’acquisto di un’autovettura (anch’essa oggetto di sequestro nonostante fosse intestata alla convivente) l’imprenditore l’avesse pagata con i soldi prelevati dal conto corrente intestato ad un ex dipendente procedendo egli stesso a ritirare l’autovettura.

Nel corso delle operazioni sono state rinvenute e poste sotto sequestro anche alcune carte di credito unitamente a somme in contanti per circa 4 mila euro ed assegni post-datati per oltre 20 mila euro

I reati contestati vanno dall’occultamento delle scritture contabili all’omessa dichiarazione, fino alla sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Il sequestro disposto in questi giorni dall’Autorità Giudiziaria, nell’ambito delle indagini coordinate Ignazio Francesco Abbadessa, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona, rappresenta il culmine di un’attività di indagine strutturatasi sull’applicazione ed il collegamento coerente di tutti gli strumenti normativi a disposizione della Guardia di Finanza (poteri di polizia valutaria, polizia economico-finanziaria e polizia giudiziaria). Peraltro, l’aggressione dei patrimoni illeciti e la sottrazione dei beni ai soggetti evasori seriali rappresenta lo strumento più efficace per togliere risorse a chi si arricchisce indebitamente ai danni delle imprese rispettose della legalità.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo