Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Risultava al lavoro, ma sbrigava commissioni: nei guai

Un 50enne di Crema è tra i tre dipendenti dell'ufficio del Giudice di pace di Lodi sospesi dal servizio per un anno e indagati a piede libero per truffa ai danni dello Stato

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

08 Maggio 2017 - 16:22

I furbetti del cartellino e il ‘pubblico’ da ripensare

CREMA C'è anche un 50enne di Crema, fra i tre dipendenti dell'ufficio del Giudice di pace di Lodi sospesi dal servizio per un anno e indagati a piede libero per truffa ai danni dello Stato: complessivamente i tre, tra settembre e novembre dello scorso anno, sono risultati assenti dal servizio per 3.300 minuti, pur risultando - stando alle timbrature del cartellino elettronico - al lavoro nei loro uffici. Si trattava di uscite per sbrigare commissioni, di lunghe pause pranzo o di ritardi in entrata. La procura di Lodi ha dato conto dell'indagine, con una conferenza stampa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • anellitoto

    09 Maggio 2017 - 09:13

    Non preoccupatevi ragazzi ; tra poco con un buon avvocato sarete riammessi e potrete chiedere i danni morali .

    Report

    Rispondi