Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Housing sociale, case invendute costano al Comune 10 milioni

Lo prevede la convenzione sugli appartamenti invenduti

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

29 Aprile 2017 - 08:23

Housing sociale, case invendute costano al Comune 10 milioni

CREMA - Un grattacapo, per giunta costoso. Stiamo parlando dell’housing sociale, quel complesso residenziale sorto sei anni fa nel quartiere dei Sabbioni. Una formula innovativa (Crema è stata prima in Lombardia) attraverso la quale proporre appartamenti ad affitti calmierati per le fasce di reddito medie, non così basse per case popolari, ma nemmeno in grado di acquistare con prezzi da libero mercato.

Il grattacapo sta nel fatto che la convenzione in atto col Comune prevede — alla scadenza — che lo stesso ente pubblico dovrà accollarsi gli appartamenti invenduti. Nella peggiore delle ipotesi si parla di circa 10 milioni di euro. Rischio reale, perché l’esodo degli inquilini da quelle case non si è ancora arrestato. Oddio, ci sono ancora 10 anni di tempo, ma i prudenti ritengono che lo stesso Comune debba iniziare ad accantonare via via i soldi necessari. Con tutto quanto ne consegue per il bilancio.
Dei 90 alloggi, 42 sono posti in affitto con previsione di riscatto dal 5° all’8° anno, e 48 in affitto con la possibilità di cessione non prima del 15° anno.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400