Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Frode fiscale, sequestrati immobili per dieci milioni

Nei guai 5 imprenditori che hanno incassato oltre dieci milioni di euro di finanziamenti nel giro di sette anni

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

04 Marzo 2017 - 09:23

Frode fiscale, sequestrati immobili per dieci milioni

Una macchina della Guardia di Finanza

CREMA - Ancora una volta Crema è al centro di un’inchiesta per frode fiscale, che ha portato al sequestro di diversi immobili in città per un valore di alcuni milioni di euro. Nei guai cinque imprenditori milanesi, con contatti nella nostra città che devono ancora essere analizzati dagli inquirenti. Un’inchiesta che parte da lontano, precisamente da Bari. Dal 2000 al 2007 gli indagati avrebbero incassato oltre 10 milioni di euro elargiti nell’ambito dei contratti d’area di Manfredonia: in teoria avrebbero dovuto rilanciare un cotonificio in Puglia, in pratica si sarebbero, stando alle indagini della guardia di finanza pugliese, intascati i soldi, soldi poi riciclati nell’acquisto di immobili nel nord Italia. In totale la polizia tributaria di Bari ha messo sotto sequestro 14 immobili, fra appartamenti, locali e terreni, a Crema, Angera, Magenta e Palermo, 17 conti bancari e tutte le somme a credito spettanti dall’Inps o da altri soggetti. La vicenda trae origine da una indagine di polizia giudiziaria barese, diretta all’epoca (2006-2007) dalla procura della Repubblica di Foggia e svolta dalla Guardia di Finanza di Manfredonia.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400