Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Automobilista aggredito e preso a pugni in pieno centro

La vettura bersagliata di colpi mentre era in colonna alla rotonda di porta Ombriano, il conducente scende e un giovane gli sferra un cazzotto, oltre a mandare in frantumi un finestrino

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

17 Febbraio 2017 - 08:03

Automobilista aggredito e preso a pugni in pieno centro

CREMA - Aggredito in peno giorno, nel cuore del centro storico. Colpito alla testa e con il finestrino dell’auto mandato in frantumi da un pugno, senza un motivo. E ‘giallo’ attorno all’episodio, accaduto nella seconda settimana di febbraio e sul quale stanno indagando gli agenti del commissariato di polizia. E pare, fra l’altro, che non sia stato l’unico caso registrato in città. Il fatto su cui indaga il personale del commissariato ha avuto per teatro porta Ombriano, all’altezza della nuova rotonda. Sono le sei del pomeriggio e un automobilista è in colonna (a quell’ora il traffico è intenso). D’un tratto, l’uomo sente un colpo provenire dal deflettore posteriore, scende dalla vettura per capire cosa sia accaduto e in quel frangente riceve il primo pugno. A sferrarlo, stando alla ricostruzione raccolta dagli agenti, è un giovane dell’Est. Che in un primo tempo si allontana, salvo ritornare sui sui passi. Inizia quindi una colluttazione con l’automobilista, nel corso della quale lo sconosciuto manda in frantumi il vetro del finestrino dell’auto. Quindi sparisce definitivamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stradivari

    17 Febbraio 2017 - 14:56

    Risorse che dimostrano le loro capacità

    Report

    Rispondi

  • spippomv

    17 Febbraio 2017 - 10:21

    il paese che cambia.....

    Report

    Rispondi

  • rasgharib

    17 Febbraio 2017 - 08:45

    forse non si e' ancora afferrato che certi comportamenti a noi ormai estranei sono pratica normale nei paesi di provenienza di certe persone. I buonisti accoglitori devono rassegnarsi che l'italia con questo flusso migratorio socialmente e' arretrata di 80 anni

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti