Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

MONTODINE

Unioni civili, il primo sì. "Non siamo più ombre"

Gli imprenditori Angelo e Giovanni, dopo 18 anni di convivenza, si sono presentati in municipio davanti al sindaco Pandini per redigere l'atto formale

foto: Marinoni

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

25 Settembre 2016 - 17:17

Unioni civili, il primo sì. "Non siamo più ombre"

Angelo Morandi e Giovanni Nodari dopo il 'sì'

MONTODINE - «Finalmente esistiamo come coppia, anche davanti alle autorità civili. Finora siamo stati solo un’ombra. Speriamo che questa nostra giornata sia d’esempio a tanti giovani, per uscire allo scoperto e non aver più timore». Il commento ‘a caldo’ di Angelo Morandi e Giovanni Nodari non ha tradito le aspettative. Pieni di gioia, raggianti nei loro vestiti grigio (per Angelo), azzurro (per Giovanni) dopo il sì pronunciato domenica 25 settembre davanti al sindaco di Montodine Alessandro Pandini, che ha sancito così la celebrazione della prima unione civile del Cremasco. Una cerimonia arrivata quasi a fine settembre, anche se programmata da luglio.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • themastermind69

    27 Settembre 2016 - 01:34

    felice per Giovanni e Angelo che rendano ufficile la loro unione civile, chiedo al gironalista perchè usa la parola cerimonia: dal latino caerĭmōnĭa o caerĕmōnĭa, ossia "venerazione, culto, pratica religiosa”. Ed Al signor Sindaco perchè scimmiottare il matrimonio, che significa: dal latino matrimonium composto da mater, madre, e dal suffisso -monium, compito; letteralmente vuol dire "compito di madre", precisamente compito di una donna di rendere legittima la propria condizione di madre. Preso alla lettera, "matrimonium" significa «condizione legale di "mater”». La Costituzione parla di matrimonio all’articolo 29. Dice: «La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Ed ancora: «Nel giorno indicato dalle parti l’ufficiale dello stato civile, alla presenza di due testimoni, anche se parenti, dà lettura agli sposi degli articoli 143, 144 e 147; riceve da ciascuna delle parti personalmente, ...

    Report

    Rispondi