Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA / PIADENA

Carte di credito false e resistenza: arrestato un richiedente asilo

Nei guai un nigeriano 36enne domiciliato a Piadena scoperto mentre stava acquistando uno smartphone all'Ipercoop di Crema

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

01 Settembre 2016 - 15:15

Carte di credito false e resistenza: arrestato un richiedente asilo

I documenti falsi e il denaro sequestrati al nigeriano

CREMA - E' stato scoperto e arrestato mentre tentava di acquistare uno smartphone di ultima generazione con una carta di credito clonata. A finire in manette un 36enne nigeriano, richiedente asilo, e domiciliato a Piadena. E' accusato, oltre che di clonazione di carte di credito, anche di tentata truffa e resistenza a pubblico ufficiale. L'uomo, infatti, al momento dell'arresto, ha tentato di dileguarsi spingendo a terra un carabiniere

E' accaduto tutto intorno alle 15 di mercoledì 31 agosto, presso l'Ipercoop di Crema. Gli addetti alla sicurezza hanno deciso di chiamare i carabinieri, insospettiti da un cliente che stava acquistando uno smartphone del valore di 1.600 euro utilizzando carte di credito straniere.

I militari sono arrivati sul posto in abiti civili, per evitare di creare confusione all'interno del punto vendita mentre il cliente, con un a scusa, veniva fatto accomodare al banco informazioni. Appena i militari si sono qualificati, il 36enne ha capito di essere stato scoperto e ha tentato una reazione spingendo a terra uno degli investigatori, pensando di poter scappare facilmente. Tuttavia, poco distante, il fuggitivo ha trovato ad attenderlo una pattuglia dei carabinieri e gli uomini dell'Arma lo hanno intercettato e bloccato a terra.

Accompagnato in caserma per gli accertamenti di rito, i documenti in suo possesso sono risultati essere stati utilizzati presso l’ipercoop di Crema già pochi giorni prima per effettuare acquisti di alimentari e vestiario. L'uomo è stato inoltre trovato in possesso di diversa valuta estera. E' stato dichiarato in stato di arresto poiché le carte di credito e la patente di guida in suo possesso sono risultate clonate ai danni di un cittadino australiano. Il nigeriano è accusato inoltre di resistenza a pubblico ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spippomv

    02 Settembre 2016 - 00:35

    Concordo.... e vorrei tanto sapere perche' mai in questo paese di cacca non e' contemplato l'arresto ed espulsione immediatamente per tale monnezza... ci sono ancora tanti illusi che si impietosiscono e fanno elemosina a questi selvaggi....ma svegliatevi dal mondo dei sogni...!!!

    Report

    Rispondi