Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL CASO

Bandirali contro il Comune: "Accanimento inspiegabile"

Parcheggi più che dimezzati davanti alla storica gelateria di via Piacenza a Crema: ricorso al Tar

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

03 Agosto 2016 - 08:45

Bandirali contro il Comune: "Accanimento inspiegabile"

Mauro Bandirali davanti al cartello di divieto di sosta

CREMA - «Ho l’impressione di essere diventato il capro espiatorio della loro incapacità di risolvere realmente il nodo della sicurezza stradale in via Piacenza. Che c’è ed è pressante, ma non certamente davanti al mio negozio: gli incidenti gravi avvengono sulla doppia curva in direzione di Ripalta Cremasca e alla rotatoria su via Libero Comune. Qui davanti a noi solo incidenti di poco conto. Salvo uno, anni fa, quando un bimbo sfuggì di mano ai suoi genitori correndo in mezzo alla strada. Una tragica fatalità. L’amministrazione di Crema ha contro di me un accanimento incomprensibile, con il risultato di mettere a repentaglio posti di lavoro». A parlare è Mauro Bandirali, che con la sua storica attività è uno degli alfieri del ‘Made in Crema’ (il suo gelato è stato decretato il migliore d’Italia e presto potrebbe aprire a Londra). Bandirali, però, proprio non ci sta a fare l’agnello sacrificale: davanti al cartello che certifica la scelta di ‘falciare’ a partire da mercoledì 3 agosto il numero dei posti auto davanti al suo negozio (taglio drastico: da 18 a 7, con disco orario) annuncia che darà battaglia proponendo un ricorso al Tar contro l’ordinanza comunale «pur sapendo che i tempi saranno lunghi e che il danno sarà già fatto».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400