Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Vandalismi nel centro cittadino, quattro ragazzi denunciati

Individuati in dieci, il cerchio si è stretto intorno ai responsabili: dovranno risarcire interamente il danno causato sia ai privati che al Comune

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

10 Ottobre 2015 - 12:06

Vandalismi nel centro cittadino, quattro ragazzi denunciati

Atti vandalici a Crema immortalati dalle telecamere

CREMA - Sabato scorso dopo le due di notte, fra Piazza Garibaldi e Piazza Moro, alcuni vandali hanno compiuto una serie di danneggiamenti a proprietà private e pubbliche, senza alcun motivo, se non l’insano gusto di spaccare tutto quello che si sono trovati sulla loro strada. E così per i quattro è iniziata una serie di atti vandalici, partita in piazza Garibaldi col danneggiamento di un bancomat e proseguita rovesciando ombrelloni e vasi dei bar sul loro percorso, piegando cartelli stradali e prendendo a calci le porte delle abitazioni.

Purtroppo per loro, ormai il centro cittadino è provvisto di una serie di telecamere sempre in funzione, che hanno ripreso buona parte delle loro bravate immortalandoli in maniera inequivocabile e fotografando le targhe delle macchine con cui sono giunti sul luogo dei misfatti.

Nel giro di pochi giorni sono stati individuati ed identificati una decina di ragazzi, appartenenti a due diverse compagnie, che hanno dato via al raid vandalico. Nel gruppo si è poi riusciti a stringere il cerchio su quattro ragazzi che si sono rivelati gli unici responsabili della notte brava. I quattro, tutti residenti nel cremasco e di età compresa fra i diciassette ed i vent’anni, sono stati inchiodati alle loro responsabilità, che hanno dovuto assumersi di fronte alle prove videofotografiche. Per tutti la scusa ufficiale è stata il quantitativo di alcool ingerito nel corso della serata, anche se le loro gesta appaiono comunque ingiustificabili.

Per i quattro è scattata la denuncia per danneggiamento aggravato e sono state già sporte le querele da parte dei privati danneggiati. Oltre a dover affrontare un processo, i quattro dovranno risarcire interamente il danno causato sia ai privati che al Comune.

Unica nota positiva dell’intera vicenda, oltre all’identificazione dei responsabili, è che tutti i ragazzi hanno confermato la bontà delle misure prese per contrastare il fenomeno della guida in stato di ebbrezza: ogni macchina era guidata da un ragazzo che per tutta la sera si era astenuto dal consumare alcolici, per non incorrere nelle pesantissime sanzioni previste dal codice della strada.

Per i prossimi giorni sono stati programmati servizi straordinari di controllo per contrastare i fenomeni di devianza connessi agli abusi etilici.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Moroni

    10 Ottobre 2015 - 13:09

    Giustissimo Miglior pena e far pagare fino all'ultimo euro i danni provocati così la prossima volta ci pensano sempre che abbiano un cervello per pensare.

    Report

    Rispondi