Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

ULTIM'ORA

Utero in affitto, condannati i genitori

Processo concluso con la sentenza a 3 anni e 4 mesi ciascuno ai genitori cremaschi

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

09 Dicembre 2014 - 18:31

Utero in affitto, condannati i genitori

Il tribunale di Cremona

CREMA - Sulla vicenda dell'utero in affitto, il processo si è concluso con la condanna a 3 anni e 4 mesi ciascuno dei due genitori cremaschi per alterazione di stato. Le motivazioni della sentenza saranno note fra 90 giorni. L'avvocato della coppia, Cecilia Rizzica, valuta il ricorso in Appello: "Hanno agito in buona fede, se mai  dovrà essere la clinica di Kiev a dare spiegazioni ma non lo farà mai".

 

Sulla sentenza della Cassazione sull'adottabilità del piccolo, l'avvocato potrebbe ricorrere alla Corte di Strasburgo. Infatti, la Cassazione ha sbarrato il passo alla pratica della maternità surrogata e alla possibilità che i figli nati all’estero con questo tipo di ‘accordi’ possano essere riconosciuti legittimamente anche in Italia. La coppia cremasca ha infatti perso la prima causa approdata alla Suprema Corte e tesa al riconoscimento di un figlio nato in Ucraina da una madre surrogata che si era resa disponibile a soddisfare il desiderio di genitorialità di marito e moglie. Per effetto di questa decisione ‘pilota’, il bimbo era stato dato in adozione.

 

Leggi di più su La Provincia di mercoledì 10 dicembre

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400