Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

GUSSOLA

Bergamonti Day, un successo il 50° anniversario di fondazione del Motoclub

Spettacolare il colpo d’occhio offerto dalle dueruote a motore confluite in piazza Comaschi. In esposizione le moto usate dal campione, alcune di soci, fotografie e il nuovo libro di Paolo Capelli

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

10 Aprile 2022 - 15:58

GUSSOLA - Sono venuti in tanti, a Gussola, per celebrare il “Bergamonti Day”, a 51 anni dalla scomparsa di Angelo Bergamonti e a 50 dalla fondazione del Motoclub a lui intitolato. «Abbiamo contato 358 moto», ci ha riferito al termine il direttore sportivo Sante Granelli. Spettacolare il colpo d’occhio offerto dalle dueruote a motore confluite in piazza Comaschi. Il presidente Giuseppe Pietralunga ha aperto le celebrazioni nella sala polivalente dov’era stata allestita una bella mostra ricordo dando il «bentornati a tutti, dopo due anni di stop». In esposizione le moto usate dal campione, alcune di soci, fotografie e il nuovo libro di Paolo Capelli.

  

Il sindaco Stefano Belli Franzini ha ringraziato il Motoclub e ha aggiunto che occorre assumere l’impegno di portare avanti quanto fatto con la mostra, che in futuro potrebbe diventare permanente. Il consigliere del Motoclub Claudio Bonaldo ha poi spiegato che sono state realizzate «cento bottiglie di vino celebrative». La bottiglia numero zero è andata alla signora Rosa, la vedova di Bergamonti, affiancata dalle figlie Laura e Marina. Altre quattro ad altrettanti soci fondatori del Motoclub: Giuseppe Bonardi, Giovanni Vida, Mario Saccani e Alessandro Gusberti. Al sindaco la numero 100.

Laura Bergamonti ha ringraziato «il Motoclub e l’amministrazione comunale, perché se ho la possibilità di conoscere mio papà è attraverso queste manifestazioni. Oggi ho visto le moto che lui usava e che ho visto solo in foto». Poco prima di mezzogiorno la cerimonia al monumento, con l’intervento di Pietralunga, che ha ricordato come a Riccione ogni anno venga ricordato Bergamonti. Gino Bortoletto, presidente del Motoclub Bergamonti di Misinto, ha invitato tutti per il 25 settembre alla rievocazione storica per il 50esimo del suo sodalizio. Il sindaco di Misinto Matteo Piuri ha sottolineato come Gussola e il suo paese «sono due comuni simili per origini, quelle contadine. Due comuni dove la terra ha il colore della fatica e del sudore. Le classiche botti piccole dove c’è il vino buono e oggi ricordiamo un “vino” particolarmente di qualità». Belli Franzini ha richiamato i valori che animavano Bergamonti come «la grinta, la tenacia, la voglia di non mollare anche nella vita quotidiana», da prendere come esempio. Infine la benedizione del parroco don Roberto Rota, prima del grande rombo di saluto al pilota, il trasferimento a Casalmaggiore per un aperitivo e la conclusione in pista al Cremona Circuit. Martedì 26 aprile serata Bergamonti alla canottieri Bissolati con il Panathlon.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400