il network

Giovedì 15 Aprile 2021

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS

Vaccinazioni, percorso facilitato per le persone fragili all'Hub di Cremona

Tre diverse modalità di accesso nel rispetto della persona. Garantita la presenza di operatori formati e specializzati

CREMONA (1 aprile 2021) - Questo pomeriggio, nell’Hub di CremonaFiere, è stato presentato il percorso vaccinale anti-covid dedicato alle persone fragili con disabilità e ai loro caregiver. Il percorso - organizzato dall’ASST di Cremona in collaborazione con ATS Val Padana, Comune di Cremona e Terzo settore – è stato illustrato da Paola Mosa (Direttore Socio Sanitario ASST di Cremona) e da Carolina Maffezzoni (Direttore Socio Sanitario ATS Val Padana) alla presenza dell’Assessore Alessandra Locatelli e del Direttore Generale Claudia Moneta (Assessorato alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità della Regione Lombardia).

“Si tratta di un percorso di facilitazione e inclusione pensato per favorire la somministrazione del vaccino anti-covid alle persone con elevata fragilità (utenti estremamente vulnerabili e con disabilità grave) già in carico ai servizi territoriali (ad esempio, neuropsichiatria infantile e servizi di salute mentale); utenti che fanno parte del percorso Rosa dei venti e gli aventi diritto alla Legge 104. Un progetto vaccinale importante che coinvolge anche i Caregiver (circa 400 ad oggi censiti dai servizi territoriali che li hanno presi incarico)” - ha spiegato Paola Mosa.

“Gli utenti vengono contattati e seguiti in tutte le fasi dagli operatori dei nostri servizi che già conoscono le famiglie. Una scelta precisa, determinata dal desiderio di infondere sicurezza e tranquillità. La vaccinazione va intesa comeun momento di cura e assistenza perfettamente integrato nel percorso di presa in carico globale. Non deve rappresentare in alcun modo un momento di ulteriore difficoltà”.

“Il percorso è già stato sperimentato in queste settimane e abbiamo constatato che funziona in modo fluido. Dal prossimo 6 Aprile – ha aggiunto Mosa - il sistema si consoliderà via via sempre di più ed entrerà a pieno regime con l’obiettivo di proteggere pazienti fragili e caregiver, nel minor tempo possibile, dal rischio di infezione. Un ringraziamento all’Associazione Uniti per la provincia di Cremona per l’allestimento dello spazio che accoglierà le famiglie cremonesi, in particolare a Giovanni Bozzini e Riccardo Crotti”. 

“Il terzo settore ci sta fornendo un grande aiuto – ha concluso Mosa - ANFASS e altre associazioni coinvolte stanno accompagnando le famiglie affinché tutti i disabili vengano vaccinati. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale il sostegno dei medici di famiglia e dei pediatri. Va ricordato che la prevenzione è indispensabile per proteggersi da una malattia molto seria, causa di molti ricoveri, che rappresenta un ulteriore disagio per le persone con disabilità”.

"Grazie a tutte le istituzioni per la grande disponibilità e il clima ed entusiasmo che si è creato. Grazie a CremonaFiere, in particolare al Presidente Roberto Biloni, al Direttore Massimo De Bellis e allo Staff Tecnico".

ATS VAL PADANA, LAVORO INTEGRATO. NOMINATO IL VAX MANAGER

“Quello che si vede qui, oggi, è il risultato di un lavoro integrato che in poco tempo è stato approntato grazie alla sensibilità e alla collaborazione stretta ed intensa tra istituzioni – ATS, ASST, Ente locale e mondo del Volontariato, supporto prezioso e fondamentale nei diversi percorsi di assistenza e cura. Regione Lombardia ha chiesto ad ogni ATS – spiega Carolina Maffezzoni - di assicurare che nel territorio di competenza vengano individuati ed approntati spazi e percorsi dedicati, specificatamente rivolti alle persone con elevata fragilità, e che la vaccinazione sia effettuata non solo in sicurezza, ma in forma “accompagnata” e, per quanto possibile, secondo modalità rispondenti ai bisogni specifici di questo target di popolazione.

In quest’ottica di “accompagnamento”, ATS ha individuato al proprio interno un referente per le vaccinazioni, il cosiddetto Vax Manager fragilità, quale riferimento a cui possono rivolgersi i soggetti fragili, i loro familiari, le associazioni che operano nel settore per avere informazioni relative alle vaccinazioni. Ha inoltre istituito un numero verde (800 436 692) ed un indirizzo e-mail fragilita.vaccino@ats-valpadana.it. Il Vax manager fragilità di ATS, per tutto il periodo della campagna vaccinale rivolta alle persone ad elevata fragilità, opererà in stretto raccordo con le ASST di Cremona, di Crema e di Mantova, con ognuna delle quali ATS ha condiviso i percorsi e le modalità vaccinali.

Si tratta di un impegno – conclude Maffezzoni - che per essere completato nelle forme previste, richiederà necessariamente una tempistica adeguata, ma che tutti gli attori in campo si apprestano ad affrontare con particolare attenzione, con la dovuta sensibilità e con grande senso di responsabilità.”


ASSESSORE LOCATELLI, PERCORSO VACCINALE SU MISURA: CREMONA HA FATTO UN GRANDE LAVORO

“Il grande lavoro dell’ASST di Cremona in collaborazione con ATS Val Padana, Comune di Cremona e terzo settore – ha dichiarato Alessandra Locatelli – ha permesso di dare il via a un percorso vaccinale su misura per le persone con elevata fragilità, garantendo loro di ricevere la vaccinazione in un ambiente protetto e il più possibile familiare. Gli utenti, infatti, vengono contattati e seguiti in tutte le fasi del percorso dagli operatori dei servizi già attivi sul territorio, quindi da persone che già conoscono”. "Inoltre, per andare incontro alle diverse esigenze dei cittadini estremamente fragili e a quelle dei loro familiari - ha continuato l'assessore - sono state previste modalità differenti per la somministrazione del vaccino. Presso gli hub vaccinali di Cremona e di Casalmaggiore - ha spiegato l'assessore - sono stati allestiti dei punti di accoglienza e di accettazione gestiti da personale formato e specializzato, mentre per le persone impossibilitate a sposarsi è stato attivato il servizio di vaccinazione domiciliare che coinvolge i medici di medicina generale aderenti, gli infermieri di studio, gli infermieri di famiglia e comunità e le Usca".  "Infine, per le persone fragili che presentano un livello di alta complessità e come tali necessitano di un ambiente protetto, il vaccino - ha spiegato l'assessore - viene somministrato da personale formato e specializzato in un'area protetta dell'ospedale". “Un ringraziamento particolare va alle associazioni, ai tanti volontari e agli operatori di Asst e Ats che stanno svolgendo un lavoro straordinario. Il percorso, avviato in via sperimentale - conclude -, partirà ufficialmente dal 15 aprile, grazie al Piano vaccinale regionale #PrimaTu, riservato alle persone più fragili”.

Il percorso Vaccinale anticovid è reso possibile da:

ASST di Cremona: Giuseppe Rossi (Direttore Generale), Rosario Canino (Direttore Sanitario),Paola Mosa(Direttore Socio Sanitario), Nadia Poli (Direttore Rete RICCA),Franco Spinogatti (Direttore Dipartimento Salute Mentale), Antonella Laiolo (Responsabile Servizio vaccinale),Andrea Machiavelli (Direttore Farmacia Aziendale), Giampietro Morstabilini (Dirigente professioni sanitarie DAPS),Vanna Poli(RAD Area Salute Mentale), Emanuela Nannini (Coordinatore infermieristico HubCremonaFiere), Gianmario Pedretti(Coordinatore Centrale Operativa Infermiere di Famiglia e di Comunità), Manuela Monfredini (Disability manager), Marco Spadari (Logistica DAPS), Antonia Cielo (Dirigente Responsabile U.O.S. Integrazione e valutazione della Fragilità Cremona), Ilaria Giordano (Responsabile Ufficio Protezione Giuridica di Cremona), Donatella Boccali (Referente Servizi amministrativi sanitari sociosanitari e territoriali di Cremona) Cristiana Ponzoni (Centro Servizi).

ATS Val Padana: Salvatore Mannino (Direttore Generale), Silvia Cirincione (Direttore Sanitario), Carolina Maffezzoni (Direttore Socio Sanitario).

Comune di Cremona: Rosita Viola (Assessore alle Politiche sociali, Fragilità e Welfare).


IL SUPPORTO DEI VOLONTARI

Negli Hub vaccinali sono presenti anche volontari specializzati con il compito di accogliere, accompagnare e sostenere gli utenti e i loro cargiver. Persone che provengono da realtà ed esperienze sensibili, di grande dimestichezza con le disabilità. Questo prezioso servizio di supporto si svolge in collaborazione con ANFAS, AUSER, BLUE LIFE, AGROPOLIS e SIAMO NOI.


IN PRATICA

CHIAMIAMO NOI

I pazienti e i caregiver vengono contattati telefonicamente dal personale sanitario ed amministrativodei servizi territoriali dell’ASST di Cremona che - valutando caso per caso – indicano la modalità vaccinale più idonea per la persona, nel rispetto della sua condizione. L’appuntamento per la somministrazione del vaccino viene fissato in collaborazione con l’area amministrativa territoriale.

DOVE MI VACCINO

Per rispondere alle esigenze più diversificate, il percorso prevede tre modalità differenti:

 
Hub vaccinali: per le persone con mobilità sostenibile

Presso gli Hub vaccinali di Cremona (Fiera di Cremona Piazza Zelioli Lanzini) e di Casalmaggiore (Sede AVIS via Baslenga n. 3.) è stato allestito un punto accoglienza e accettazione gestito da personale formato e specializzato. Sono stati definiti degli slot dedicati nelle agende per la fascia oraria 12.00 - 15.00.

L’utente e il caregiver vengono informati e accompagnati nel box di anamnesi, dove il medico raccoglie la storia clinica e decide la tipologia di vaccino da somministrare. Subito dopo (nel box accanto) il personale infermieristico dedicato procede con la somministrazione.

 
Al domicilio: per le persone “intrasportabili”

Il servizio di vaccinazione domiciliare coinvolge i medici di medicina generale aderenti, gli infermieri di studio, gli infermieri di famiglia e comunità e le USCA. Il vaccino viene somministrato a domicilio da personale formato e specializzato.

 
In ospedale (area protetta): per le persone con multi-complessità

Il servizio di vaccinazione ospedaliero è rivolto a tutte le persone fragili che presentano un livello di alta complessità (gravi e gravissime disabilità, comorbilità, allergie specifiche, ecc) e come tali necessitano di un ambiente protetto. Il vaccino viene somministrato da personale formato e specializzato.

GRAVI DISABILITA’. IMPORTANTE ATTIVARE L’AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO TEMPORANEO

Per le persone con grave disabilità è importante la nomina di un amministratore di sostegno temporaneo per esprimere il consenso informato alla somministrazione del vaccino.

Per informazioni le famiglie possono rivolgersi all’Ufficio di Protezione Giuridica (UPG) attraverso consulenze telefoniche.


UPG di Cremona

Telefono 0372 497833 /497826 (Lunedì al Venerdì, dalle 9 alle 13)

E-mail: protezionegiuridica@asst-cremona.it


UPG di Casalmaggiore

Telefono 0375 284145 (dal Lunedì al Venerdì, dalle 9 alle 16)

E-mail: protezionegiuridica.casal@asst-cremona.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

01 Aprile 2021