il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Martedì 24 maggio

CremonaJazz: gran finale con Philip Catherine e Richard Galliano

CremonaJazz: gran finale  con Philip Catherine e Richard Galliano

dal 24/05/2016

al 24/05/2016

genere jazz

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/scheda/musica/141700/CremonaJazz--gran-finale--con.html 04/12/2016 03:00:09 04/12/2016 03:00:09 40 CremonaJazz: gran finale con Philip Catherine e Richard Galliano Piazza Guglielmo Marconi, 26100 Cremona CR, Italia false DD/MM/YYYY

Il concerto di chiusura di CremonaJazz promette di non essere da meno degli altri e questo grazie al talentuoso Richard Galliano, con il suo nuovo progetto “New Jazz Musette”, e ai musicisti che insieme a lui tesseranno dal silenzio le atmosfere e le storie che incanteranno il pubblico presente nello splendido Auditorium Giovanni Arvedi.

Artefice importantissimo di questa maestria del raccontare attraverso la musica, sarà il chitarrista Philip Catherine, classe 1942, nato da padre belga e madre inglese, con un nonno primo violino dell’Orchestra Sinfonica di Londra. Philip inizia presto a mostrare interesse e capacità in ambito musicale: neanche a dirlo, si dedica alla chitarra dopo aver ascoltato Brassens e Django Reinhardt. Da quel momento si apre davanti a lui il panorama della musica jazz anche grazie ai fortuiti incontri che lo porteranno a suonare, giovanissimo, a fianco dei più grandi jazzisti della scena degli anni ’60: Dexter Gordon, Charles Mingus, Jean-Luc Ponty, per citarne alcuni. Sarà proprio Mingus a chiamarlo “il giovane Django”, attribuendogli un’etichetta tanto prestigiosa quanto difficile da sostenere. Ma Catherine non sembra sentirne il peso e a soli 18 anni parte per un tour in Europa con Lou Bennet e nel 1971 fa uscire il suo primo disco “Stream”, seguito da molti altri. Catherine infatti si afferma non solo come brillante chitarrista ma anche come bravo compositore: alcuni dei suoi brani, “Homecomings” e “Nairam” ad esempio, sono diventati ormai famosi.

Gli anni ’80 lo vedono spesso a fianco del grande Chet Baker e gli anni ’90 lo fanno vincitore di numerosi concorsi, come il premio BIRD e il Django d’Oro, a Parigi, come “Miglior artista jazz europeo”. E questo è solo l’inizio di una serie di riconoscimenti che le più grandi istituzioni mondiali gli assegneranno negli anni a venire.

Il suo ultimo lavoro, “Philip Catherine & Strings”, è un nuovo progetto che lo vede impegnato in arrangiamenti dei suoi brani con l’orchestra d’archi. La prima, a gennaio del 2015, è spettacolare e toccante: il quartetto di Catherine suona con l’Orchestra Reale da Camera di Vallonia e il pubblico risponde con diverse standing ovation. Il direttore, Frank Braley, autorizza addirittura l’etichetta ATC – Music a pubblicare la performance in un disco, sempre uscito nel 2015.

Nonostante la sua esperienza nelle sale concertistiche più grandi e prestigiose del mondo Catherine ama tutt’ora suonare nei jazz club, perché sente il pubblico più vicino. Questa sensibilità è sicuramente l’ingrediente fondamentale che, accompagnato al grande talento tecnico, fa di lui un musicista in continua ricerca. La sua libertà e il suo sguardo ampio gli permettono di cercare ancora oggi l’espressività più vera e diretta nella tavolozza di tutti gli stili musicali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000