il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Cremona. Fino al 20 marzo

‘Il fumetto racconta la realtà’, mostra in Santa Maria della Pietà

‘Il fumetto racconta la realtà’, mostra in  Santa Maria della Pietà

dal 13/02/2016

al 20/03/2016

Cremona - Santa Maria della Pietà

13-20 febbraio

Ingresso libero

Orari di apertura: Da martedì a venerdì: 10.00 – 12.30 e 15.00 – 18.00
Sabato e domenica: 10.00 – 13.00 e 14.30 – 18.00. Lunedì chiuso.

INFO: Centro Fumetto “Andrea Pazienza” – Piazza Giovanni XXIII, 1 -Cremona. Tel. 037222207 –
info@cfapaz.org  – www.cfapaz.org  – https://www.facebook.com/BeccoGiallo10AnniCR 

Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/scheda/cultura/135348/-Il-fumetto-racconta-la-realta.html 09/12/2016 01:04:39 09/12/2016 01:04:39 40 ‘Il fumetto racconta la realtà’, mostra in Santa Maria della Pietà Cremona - Santa Maria della Pietà13-20 febbraioIngresso liberoOrari di apertura: Da martedì a venerdì: 10.00 – 12.30 e 15.00 – 18.00Sabato e domenica: 10.00 – 13.00 e 14.30 – 18.00. Lunedì chiuso.INFO: Centro Fumetto “Andrea Pazienza” – Piazza Giovanni XXIII, 1 -Cremona. Tel. 037222207 –info@cfapaz.org  – www.cfapaz.org  – https://www.facebook.com/BeccoGiallo10AnniCR  Cremona CR, Italia false DD/MM/YYYY

CREMONA — Il giornalismo d’inchiesta, la cronaca giudiziaria, la ricostruzione di fatti storici, le biografie: sono tante le case editrici che programmaticamente guardano alla realtà e raccontano attraverso i loro libri il mondo di oggi o, al massimo, di ieri. Masolo Becco Giallo ha scelto il fumetto e il disegno come mezzo espressivo. E’stato un azzardo —troppo a lungo il fumetto in Italia è stato considerato cosa da ragazzi —, ma che si è rivelato vincente e che è diventato allo stesso tempo palestra per molti autori emergenti. La scelta fu particolarmente singolare perché la casa editrice non è stata fondata da fumettisti. «Partiamo da dove non è nato: dal mondo del fumetto — spiegano infatti gli editori sul loro sito web —. Nessuno di noi, in casa editrice, è disegnatore, nessuno è sceneggiatore di storie per immagini. Nessuno, insomma, è un ‘esper - to ’ di fumetti, al massimo pun- tiamoaessere deidiscretilettori. Ecco, forse il nostro progetto editoriale nasce da una più generale e condivisa passione per la narrazione, unita al piacere (un po’ perverso e ostinato, di questi tempi) di raccontare la realtà che ci circonda. Credo che questo, a ben vedere, ci abbia piùavvantaggiati cheil contrario, perché ci ha costretti a essere curiosi, pieni di dubbi, attenti a ogni particolare. Come accade quando si ha di fronte qualcosa di nuovo e affascinante». BeccoGiallo nel2015 hacompiuto dieci anni e li festeggia in SantaMariadella Pietàconuna mostra che sarà inaugurata domani pomeriggio alle 17,30. In dieci anni Becco Giallo è arrivato a un catalogo che supera i cento titoli, tutti dedicati a temi, persone, fattiche fanno parte della nostra realtà contemporanea. BeccoGiallo si ècosì specializzata nella realizzazione di graphic novel di realtà, organizzati in collane tematiche riguardanti biografie, ricostruzioni storiche e persino vere e proprie inchieste disegnate. Il Cfapaz vuole partire dall’e- sperienza di Becco Giallo per mostrare al pubblico come nasce un fumetto di realtà. Attraverso l’esposizione di bozzetti, pagine di sceneggiatura, matite e tavole finite, saranno svelati i processi creativi che consentono di realizzare un libro a fumetti.
La mostra rappresenta anche la seconda edizione di ‘Fumetto Lab’, cioè un potenziale festival delfumettoche vuolemetterea confronto il fumetto professionale e il fumetto emergente. La prima edizione aveva accostato il nuovo corso di Dylan Dog con la vivace scuola di fumettisti cremonesi. E’importante sottolineare che questa mostra rientra anchein unprogetto piùampio che vede la sede espositiva di Santa Maria della Pietà caratterizzarsi come spazio dedicato alla grafica, l’illustrazione e al fumetto.
‘L’immagine che racconta ’ diventerà il filo conduttore di iniziative come ‘L’arte e il torchio’, il concorso nazionale di Tapirulan e ‘Fumetto Lab’, con il sostegno e il coordinamento diretto del Settore Cultura del Comune. La mostra si articola in tre sezioni: la prima è Come nasce un fumetto di realtà. Originali, riproduzioni e documenti dai graphic novel Piazza della Loggia, Mario Lodi, Pertini, Saluti e bici, KZ disegni dai lager, Porto Marghera; Primavere e autunni, Marco Poloe altri ancora. In questa sezione troviamo volumi che toccano molti temi importanti come quelli dellestragi, dell’in - quinamento, della politica, dell’educazione, della mobilità sostenibile e dell’Olocausto.
La seconda sezione è Da Schizzo Presenta a Becco Giallo: ovvero sette mini mostre dedicate ad altrettanti autori che sono cresciuti sulle pubblicazioni del Centro Fumetto Andrea Pazienza. Ogni mini mostra racconterà in breve l’evoluz ione stilistica degli autori.
Con Luca Genovese, oggi nello staff di Dylan Dog, Manuel de Carli, Dario Morgante, Davide Reviati, Paolo Parisi, Gianluca Costantini, e la cremonese Roberta Sacchi che proprio per Becco Giallo sta realizzando una biografia su Marilyn Monroe su sceneggiatura diFrancesco Barilli (altro autore di Becco Gial- lo).Infine, la terza sezione dedicata a Tutto Becco Giallo: si tratta della panoramica finale che presenta tutti i volumi pubblicati dall’editore e che darà al pubblico la possibilità di sfogliare l’intera collezione, come avviene in una normale biblioteca. La mostra potrà essere visitata a ingresso libero fino al 20 marzo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000