il network

Venerdì 22 Settembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Lunedì 26 agosto

I ‘Freeboys’ cantano per Nonna quercia

Per dire ‘no’ alterzo ponte sul Po

I ‘Freeboys’ cantano per Nonna quercia

I Freeboys

dal 26/08/2013

al 26/08/2013

Località Oppiazzi, ore 21.30
Ingresso libero
Aggiungi al calendario http://www.laprovinciacr.it/scheda/49903/I--Freeboys--cantano-per.html 22/09/2017 19:07:55 22/09/2017 19:07:55 40 I ‘Freeboys’ cantano per Nonna quercia Località Oppiazzi, ore 21.30Ingresso libero castelvetro piacentino (PC) false DD/MM/YYYY
CASTELVETRO — La musica ancora in campo per difendere ‘Nonna quercia’ e per dire no al terzo ponte sul Po. Il comitato che raccoglie fondi per finanziare il ricorso al Consiglio di Stato, contro Centropadane e contro tutti gli enti che hanno autorizzato il progetto, organizza infatti un concerto con la band del momento: i Freeboys, trio di talentuosi ragazzi diventati famosi grazie alla trasmissione televisiva ‘Io canto’ condotta su Canale 5 da Gerry Scotti. L’appuntamento, ad ingresso libero con raccolta di offerte a sostegno della causa, è per lunedì 26 agosto dalle 21.30 sotto la chioma dell’albero secolare di località Oppiazzi. «La prima udienza davanti al Consiglio di Stato non è ancora stata fissata — spiega Simone Mazzata, uno dei referenti del comitato —, ma nel frattempo andiamo avanti con le iniziative di sensibilizzazione». Soprattutto perché il ricorso è una sorta di ‘Davide contro Golia’ ed è molto oneroso. Punta soprattutto su un aspetto: la mancata presa in considerazione, da parte del Tar del Lazio, degli aspetti ambientali.
Ma era proprio il contrasto fra progetto ed ecosistema fluviale, che comprende anche zone di pregio come l’Isola del deserto, il punto più evidenziato dai firmatari del ricorso che a sostegno delle loro tesi hanno portato la dettagliata relazione di un pool di esperti. La conclusione, secondo il comitato, è che l’opera è «inutile, dannosa ed eccessivamente costosa, a maggior ragione in presenza di alternative meno impattanti e più convenienti». Prima d’ora per dire no al terzo ponte sono scesi in campo numerosi artisti — ad esempio Modena City Ramblers,Omar Pedrini e Inti Illimani — ma il concerto di fine agosto sarà particolarmente importante perché coinvolgerà i giovanissimi. I Freeboys (Simone Frulio, Enrico Nadai, Kevan Gulia) hanno infatti 16 e 17 anni e spiegano così la loro presa di posizione: «Spesso si crede che noi ragazzi pensiamo solo a cose futili e che non vogliamo impegnarci, ma con la nostra presenza sotto la grande quercia vogliamo cantare a tutti che siamo una risorsa per il futuro. E che la natura è parte fondamentale di questo futuro». Nel talent show televisivo i tre hanno formato il gruppo Gimme Five, diventata boy-band ufficiale della trasmissione, e sono molto trasmessi in radio. Nel giugno 2012 è uscito il loro primo ep, ‘Indelebile’ e nel giugno di quest’anno è stata la volta di ‘Party Mega’, brano estivo e frizzante con la collaborazione del noto rapper Mitch. Sono considerati gli ‘one direction italiani’, dunque i personaggi ideali per promuovere la causa degli amici di ‘Nonna quercia’.
© RIPRODUZIONE RISERVATA