il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

La street art per rilanciare tutta la città

L'arte vive nei bassifondi e non in piazza Stradivari

La street art per rilanciare tutta la città

Il murales dipinto sulla facciata

CREMONA - Il Porte Aperte Festival è stata un'operazione importante per Cremona, di quelle che possono salvare i destini di una città che si specchia nello stagno di una cultura ferma a secoli fa o che si scalda parodiando Ibiza. Se si vuole trovare l'anima e la passione da cui nasce l'arte e il furore che spinge al cambiamento, bisogna immergersi nelle zone decentrate e dimenticate, farsi largo tra le ragnatele del degrado e dell'indifferenza, chi vive in questi luoghi ha tutto il diritto di lamentarsi e lottare contro chi non si rende conto che il suo ruolo primario è quello di ascoltare e risolvere i loro problemi. Sicuramente, però, la battaglia non deve essere fatta contro chi ha scelto di portare l'arte in questi luoghi o di farla emergere da questi mattoni così in difficoltà, come il writer Jacopo LuogoComune che con il suo lavoro, costato zero euro ai cittadini perché interamente sostenuto dagli sponsor, conferisce dignità e sposta l'attenzione su queste abitazioni. Qualcuno ha scritto, citando una passante abruzzese, che è distante da Keith Haring, questo è vero, ma nemmeno quella ragazza, a cui è stato chiesto un parere, è Giulio Carlo Argan. (g.vol.)

04 Luglio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000