il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


DIRITTO DI CRITICA

Quartett, le recensioni degli studenti cremonesi

Quartett, le recensioni degli studenti cremonesi

Laura Marinoni e Valter Malosti in Quartett

CREMONA - Nuova puntata di Diritto di critica, l'iniziativa promossa da Teatro Ponchielli e giornale La Provincia che 'trasforma' gli studenti cremonesi in critici teatrali. Questa volta i ragazzi si sono cimentati con Quartett interpretato da Laura Marinoni e Valter Malosti

SOFIA RAGLIO (3 LICEO CLASSICO MANIN) - È il 27 marzo, Teatro Ponchielli, affluenza non degna dello spettacolo in scena. Calano le luci, e non soltanto sulla platea. Calano le luci sulle menti degli spettatori, si crea quell’atmosfera noir che solo l’abisso del male può creare. Gli attori in scena sono Laura Marinoni e Valter Malosti, che dialogano con densi monologhi di intensa interpretazione. I due si scambiano personaggi e ruoli come se il vero palco fossero le loro fantasie dentro la distante e disadorna stanza d’ospedale, dove il mondo esterno, non è altro che il riflesso di un mondo interiore, misterioso e controverso, affascinante nella sua brutalità. Personaggi per i quali i corpi non sono altro che maschere intercambiabili, le virtù patetiche recite, le parole pretesti per una seduzione spudorata. Sono proprio le parole, fin dall’inizio, a condurre il pubblico nell’oscurità delirante di una donna che non desidera altro che la fine e che la attende immersa nelle sue folli fantasie, nelle quali avviene il lento imputridirsi di ogni virtù in peccato e di ogni sentimento in cinismo, parole poetiche, ognuna delle quali scava in profondità, filosofie equivoche, screditate da un continuo sorpassarsi tra corpo e mente. L’uso delle luci e delle musiche risulta imprescindibile per creare le suggestioni di scene molteplici in una scenografia statica e sottolineare il divario tra parola e azione, apparenze continuamente infrante, che ha imprigionato l’attenzione del pubblico. Questo spettacolo è stato la dimostrazione di quanto la geniale drammaturgia di Müller, accompagnata dall’eccezionale regia di Malosti, siano perfettamente in grado di sostenere uno spettacolo, senza bisogno di tanti fronzoli, lasciando allo spettatore grande intensità di emozione, spunto di riflessione e soprattutto libertà di interpretazione.

CRISTINA MORRA (4 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - Non è facile dare un giudizio a uno spettacolo come quello presentato da Valter Malosti al teatro Ponchielli la sera del 27 marzo: ‘Quartett’, versione italiana del dramma di Heiner Muller, è indubbiamente un’opera di grande intensità filosofica e psicologica, è incentrata su un dialogo serrato, un vero e proprio flusso di parole, che non lascia tempo per pensare,se non altro per non perdersi nemmeno un attimo di quel complesso e affascinante scambio di battute tra i personaggi. Questi ultimi sono la marchesa de Merteuil (interpretata in maniera sublime da Laura Marinoni) e il visconte di Valmont (lo stesso Valter Malosti), ovvero i due libertini che due secoli fa furono ideati da De Laclos ne ‘Le relazioni pericolose’. È come se fin dall’inizio si venisse trascinati, attraverso i dialoghi, appunto, nella mente perversa di questi spietati individui, intenti a portare a termine i propri piani di conquista e seduzione (che poi si rivelano sconcertanti giochi di ruolo) e pronti ad usare ogni abilità retorica e a calpestare ogni sorta di scrupolo pur di riuscirci. I due personaggi sembrano trovare soddisfazione nel fingere di essere qualcun altro, donna o uomo che sia, è come uno svago in cui cercano di dimostrare il proprio potere e supremazia e che i due potrebbero condividere solo con l’altro: è in questa somiglianza che sta la loro in fondo tenera interdipendenza. La conquista (con ogni mezzo, senza esclusione di colpi) come prova di superiorità assoluta, che già era il tema centrale dell’opera di Muller, viene mantenuto quindi da Malosti che utilizza anche le indicazioni fornite dall’autore tedesco per costruire una scena evocativa come suggerito dalle indicazioni sceniche fornite da Muller : un salotto prima della rivoluzione francese e un bunker dopo la terza guerra mondiale. La violenza mossa dalla fame di potere è insita nella natura umana, non conosce tempo né distinzione di sesso, è insomma qualcosa di necessario e nell’opera lo si potrebbe intuire anche dalla negazione esplicita che i personaggi fanno del concetto di anima e di virtù: tutto è riconducibile al corpo e non esiste un’altra vita dopo la morte. ‘Quartett’ non è certamente un’opera semplice né da seguire né da comprendere, tuttavia è debito dire che,pur non capendone a fondo ogni aspetto, rimane impressa, spinge a volerne svelare le intenzioni più nascoste, lascia il segno.

NICCOLO’ BONSERI (2 GINNASIO LICEO CLASSICO MANIN) - Il messaggio forte che questa rappresentazione di Quartett di Heiner Müller per la regia di Malosti andata in scena il 27 marzo al Ponchielli porta con sé sbigottisce e fa tremare il pubblico talvolta un po’ conservatore. Scambi di sesso e il piacere fine a se stesso rappresentato come fugace via di scampo dalla vita fanno da padroni a questa pièce dai toni noir. La vita libertina dei due aristocratici di Laclos viene trasformata in un’esistenza dissipata e di perdizione assoluta sullo sfondo ancora più drammatico di un mondo devastato e messo in ginocchio da una terza guerra mondiale. Questa atmosfera cupa e opprimente si riflette sulle vite dei due nobili crudeli e cinici, Merteuil (Laura Marinoni) e Valmont (Valter Malosti), che si presentano vuoti di qualsiasi sentimento umano e in preda alla paura del destino che li attende. Protagonista di questo dramma è anche lo scambio di identità tra gli oppressori feroci e le loro vittime e l’irrilevanza della distinzione tra i sessi che al giorno d’oggi è mantenuta per tradizione; chiave di volta dello spettacolo diviene dunque l’avvicendarsi sulla scena di quattro personaggi interpretati da due attori soltanto. La condensazione nello spettacolo di molte citazioni rende spesso lo svolgersi delle scene difficile da seguire e pesante da sostenere e da affrontare, allo spettatore danno tuttavia un momento di respiro le interruzioni brechtiane della recitazione che mantengono anche un profilo distaccato tra sala e scena. Assistiamo dunque al rapporto di amore-dipendenza tra i due nobili che però non è compreso dagli stessi se non sul finire della vicenda, costoro negando a se stessi i sentimenti reciproci si lanciano a vicenda commenti taglienti che li inducono a ricercare un vuoto piacere sessuale; è così che Merteuil si trasforma in Valmont che corteggia brutalmente Tourvel (Valmont), donna sposata e pia, e successivamente con un nuovo cambio di identità Valmont si rifugia nelle lenzuola della giovane vergine Volanges (Merteuil) in una scena che rasenta la pornografia. La vicenda intera si svolge in una stanza d’ospedale dall’aria livida e grave chiusa da una reta sulla quarta parete e con una finestra che è specchio della psiche dei personaggi, gli attori sono accompagnati in questa esperienza dalle note di Wagner e Beethoven.

NICCOLO’ SAVARESI (5 LICEO CLASSICO MANIN) - Quartett non è stato uno spettacolo qualunque; è stato un tutto. Ha creato un piccolo mondo surreale e straniante, in cui ogni minimo particolare della messa inscena si fondeva con il resto e, allora, la recitazione era inseparabile dalla musica (azzeccatissima), le luci fondamentali per la scenografia, non lasciando nulla al caso e immergendo il pubblico in un’esperienza quasi concreta, tangibile. Gli attori (Laura Marinoni e Valter Malosti) sono stati perfetti per le loro parti; credibili e sfacciati, hanno salvato lo spettacolo dal diventare schiavo della sua profondità e una seriosa esibizione di talento. I loro personaggi sono figure insicure, che si amano e si odiano al tempo stesso, ma che necessariamente tornano l’uno dall’altra, per dare un senso alla propria esistenza e credere di far parte di un mondo a cui non appartengono. L’Amore messo in scena non è il solito ideale: è una seduzione sensuale e fatale, che non porta vita, ma morte, fisica e morale. La spietatezza e l’oscuro potere dei personaggi, però, è nascosto all’inizio: sembrano ridicole glorie del passato, vestite come aristocratici settecenteschi, che si ritrovano in un ospizio a rivivere i bei tempi andati. Ma nel corso dello spettacolo si trasformano e in questa trasfigurazione svelano un lato terribile e miserabile della loro natura, che affascina e commuove lo spettatore. La crudezza e la forza delle scene vivificano lo spettacolo e non falliscono nel colpire il pubblico, generando un senso di sorpresa, che rischia di sfociare nello scandalo. Non ci potrebbe essere, però, miglior resa di forze istintive e feroci, come quelle che dominano i protagonisti. Peccato, che la proposta della piece non abbia attirato molti spettatori, lasciando diversi posti del teatro vuoti. Tuttavia, i presenti ricorderanno sicuramente a lungo la penetrante esibizione di Quartett.

SOFIA POLITI (3 SUP LICEO CLASSICO MANIN) - Al Teatro A. Ponchielli,nella serata di giovedì 27 marzo, è andato in scena:” Quartett” di Muller, diretto da Valter Malosti, contemporaneamente attore nello spettacolo assieme a Laura Marinoni. I due bravissimi interpreti hanno allietato la serata con uno spettacolo costruito alla perfezione,ad opera di un regista colto e raffinato e della drammaturgia davvero geniale di Agnese Grieco,che ha unito critiche mirate ad una sottesa ironia. Il dialogo ha fatto da leader all'intero spettacolo,così come l'espediente del metateatro,che è riuscito a rendere tutti partecipi nell'incapacità di discernere chi fosse l'uomo e chi la donna,tanto i piani venivano ad intrecciarsi. Una questione di maschere,in fondo,questo scambio di ruoli,che non ha reso possibile agli spettatori né la distinzione tra i due sessi né tra sogno e realtà. Lo specchio è utilizzato come mezzo veritativo,ed è esso che riporta i viziosi Merteuil e Valmont a rivedersi,ormai vecchi,a giocare,in modo serio,con l'erotismo. Dissolutezza mai volgare,comica in più punti,sia nelle parti narrate sia in quelle inscenate fisicamente,che ricordavano la vecchia pellicola di un film. Ben riusciti i cambi repentini di luci e la scenografia,molto adatta a creare contrasti con i temi trattati,ma allo stesso a fare da seguito all'intera vicenda,ribaltandola sul finale. Una nota di merito va di nuovo ai testi,che sono riusciti ad esprimere fortemente quel senso di empietà che permea tutti gli uomini,i quali non riescono spesso a resistere alle tentazioni terrene,anche se la loro maschera rivela il contrario. Al termine della serata il pubblico ha celebrato la bravura degli attori e dell'opera in sé con numerosi giri di applausi,dando un' occhiata all'orologio per rendersi conto della velocità con cui i 70 minuti erano trascorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

01 Aprile 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000