il network

Martedì 13 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA. ZAIST INCONTRI DI PRIMAVERA

Rassegna 'Zip', domenica 28 il secondo appuntamento

L’Associazione GIANO presenta: 'Ancora', liberamente tratto da 'L’orologio' di Dino Buzzati e da 'Dondolo' di Samuel Beckett

Rassegna 'Zip', domenica 28 il secondo appuntamento

CREMONA - Dopo il successo di domenica 21 maggio, secondo appuntamento della rassegna ZIP. Domenica 28 maggio l’Associazione GIANO presenta “Ancora” (liberamente tratto da “L’orologio” di Dino Buzzati e da “Dondolo” di Samuel Beckett).

Uno dei testi più innovativi di Dino Buzzati “L’Orologio”, che fa rivivere alla protagonista i drammi e gli errori della sua vita, bloccata negli ingranaggi di un orologio che continua ad andare avanti e indietro, senza una via d’ uscita; si fonde in questo atto unico, in modo originale e innovativo, il famosissimo testo di Samuel Becket “Dondolo”, un avanti e indietro senza tempo, l’alienazione di un eterno ripetersi ai limiti della follia. Amore, odio, vendetta e abbandono in un unico eterno ritorno angoscioso, che crea una gabbia senza uscita: è la gabbia della colpa, sono gli scheletri che bussano da dentro l’armadio per farsi sentire, il disperato e vano tentativo di fuggire da se stessi, dai propri errori, dal proprio giudizio. Perché ciò che non è risolto ritorna sempre. Il clima inquietante e angoscioso di questo thriller trasporta lo spettatore all’interno di una realtà allucinata di cui condividerà le ansie e i tragici risvolti, una realtà che coinvolge profondamente perché il dramma del tempo che ci cattura e del senso di colpa che spesso ci avvinghia non permettendoci di andare avanti appartiene a tutti.

A seguire, come per ogni incontro, un ricco aperitivo con rinfresco.

Ecco gli appuntamenti successivi:

  • domenica 4 giugno: “La domanda di matrimonio” (di Anton P. Cechov) con La Compagnia delle Muse,
  • sabato 10 giugno “Giro di vite” (testi di Charles Cros, Achille Campanile, Stefano Benni) con la Compagnia Primadonne,
  • domenica 18 giugno “disumani diritti” di e con Massimiliano Pegorini,
  • domenica 25 giugno “Belvedere” (di Aldo Nicolaij) con il gruppo teatrale Quartaparete.

Tutti gli appuntamenti della rassegna si svolgeranno alle 18,30 presso l’accogliente giardino del polo Ghisiotto (via Calatafimi 2 a Cremona), lo spazio comunale sede di diverse associazioni, tra cui l’associazione GIANO che aprirà al pubblico anche lo spazio teatrale in sua gestione. La rassegna si avvale della collaborazione del Coordinamento Teatrale di Cremona ed è volto anche a valorizzare e riqualificare il quartiere Zaist di Cremona, creando frizzanti momenti di cultura, convivialità e condivisione sotto il tiepido cielo primaverile.

(per informazioni e prenotazioni Lorenzo Sperzaga 329 2333472 – Marta Ghironi 349 4777890).

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

29 Maggio 2017