il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


#DIRITTODICRITICA

Le recensioni degli studenti: 'Il berretto a sonagli'

Le recensioni degli studenti: 'Il berretto a sonagli'

SOFIA FERRARI- 3LICEO MANIN

Martedì 8 marzo è andato in scena al teatro Ponchielli “il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello nella versione di Valter Malosti del Teatro di Dioniso di Torino.

L’opera, uno dei testi più famosi del drammaturgo, è ambientata in una cittadina siciliana, ai primi del Novecento.

Beatrice Fiorica (Roberta Caronia), sospetta che il marito, il potente e temuto Cavaliere, la tradisca con Sarina (Roberta Crivelli), moglie di Ciampa (Valter Malosti), segretario del marito.

Chiede allora al delegato Spanò (Paolo Giangrasso) di indagare sul marito, senza considerare che, se i suoi sospetti fossero confermati, le conseguenze sarebbero molto gravi: il segretario infatti, per salvare l’onore, si vedrebbe costretto ad uccidere la moglie e l’amante.

Gli amanti vengono colti in flagrante, ma Spanò riesce a tenere nascosto il fatto, arrestando il cavaliere per oltraggio e non per adulterio.

In città però nessuno crede a questa versione e Ciampa è in difficoltà: pur tradito, ama la moglie e non vuole ucciderla. Dichiara infatti essere perfino disposto a “condividerla” con un altro uomo. Con grande astuzia riesce a convincere Beatrice, che aveva denunciato il tradimento, a fingersi pazza e a salvare la situazione.

“Il berretto a sonagli”, che indica il berretto da buffone, suggerisce uno dei temi principali dell’opera: l’importanza del giudizio altrui. Il protagonista, però, inizialmente sottomesso al potere e all’apparenza, riesce con l’astuzia ad evitare lo scandalo, salvando se stesso e la moglie.

Malosti, regista e protagonista, riprende la prima stesura della commedia, scritta in dialetto siciliano, e la rielabora utilizzando un linguaggio facilmente comprensibile e molto musicale.

Il ritmo della pièce è incalzante, un botta e risposta continuo che tiene viva l’attenzione dello spettatore, in un clima di crescente agitazione dove non mancano i momenti di comicità.

La rappresentazione si svolge in un salotto arredato in modo molto semplice, con un divano ed un grande specchio sullo sfondo. Il pavimento è leggermente inclinato e un sistema di pannelli scuri permette ai personaggi di entrare e uscire dalla scena.

ALESSANDRO GIOVANNELLI- 3 LICEO VIDA

È sempre conveniente cercare fino in fondo la verità o a volte è meglio fingere di non vedere, di non sentire per evitare lo scandalo? Questo il nucleo tematico del dramma pirandelliano de “Il berretto a sonagli” andato in scena al teatro Ponchielli l’8 e 9 marzo per la regia di Valter Malosti. Le due posizioni sono impersonate da Beatrice (interpretata magistralmente da Roberta Caronia), una donna sposata, tradita dal marito e per questo determinata a farsi giustizia attraverso un riluttante delegato (Paolo Giangrasso) emblema della scarsa fiducia di Pirandello nelle istituzioni pubbliche, poco incline ad un sincero rispetto della legge e pronto a falsificare il verbale per non importunare eccessivamente il potente di turno e il signor Ciampa (interpretato dallo stesso regista), innamorato della giovane e avvenente moglie disposto, pur di averla accanto a sé, a condividerla con il Cavalier Fiorìca, suo padrone. Ferito nell’orgoglio e nell’onore pensa in un primo tempo a farsi giustizia da sé ma poi con il consenso di tutti (il fratello di Beatrice, Fifì – Vito Di Bella e la madre – Paola Pace) per non turbare lo status quo del tipico sonnolento paese siciliano in cui i pettegolezzi corrono veloci sulle labbra di chiunque. All’unanimità i protagonisti decidono di scegliere un unico capro espiatorio ed evitare il bagno di sangue: Beatrice viene giudicata pazza e incolpata di aver inventato l’accusa di tradimento del marito. Per questo le viene consigliato di farsi curare per qualche mese in un manicomio. Grazie a questo espediente l’onore di tutti è salvo e Ciampa non dovrà per questo uccidere la moglie e il suo amante. Secondo il servitore del Cavaliere inoltre è “facile simulare la pazzia, basta gridare in faccia a tutti la verità”. Durante lo spettacolo, durato un’ora e mezza, gli attori si sono mossi su un palco trasformatosi in un labirinto entro il quale gli stessi si muovevano a tratti simboleggiando le voci alternanti e discordanti della coscienza di Beatrice. Il personaggio al centro dell’azione recitava su una pedana obliqua a sottolineare come troppo spesso i rapporti sociali siano dettati dall’ipocrisia e condizionati dalla maschera che in quanto pupi siamo costretti a portare. La compagnia al termine della rappresentazione è stata richiamata più volte sulla scena dai numerosi e calorosi applausi. 

CLAUDIO BARCELLARI- 4 LICEO MANIN

Se è vero che, come diceva Pirandello, il teatro non è archeologia, certamente questa versione de il Berretto a Sonagli - rappresentata dalla compagnia Teatro di Dioniso al teatro Ponchielli di Cremona l'8 e il 9 Marzo - ne è l'aperta dimostrazione. La compagnia Teatro di Dioniso ha senz'altro offerto al pubblico uno spettacolo che pure è uno stra-classico, ma di cui si evidenzia l'originalità, che non collima con l'unicità di Pirandello.

Centro dell'intreccio è la signora Fiorica, che impazzisce per il sospetto che il marito possa tradirla con la moglie del signor Ciampa, servitore e amico di famiglia. La commedia si apre con il suo confuso proposito di vendicarsi e di coglierlo sul fatto. Escogita dunque un piano per allontanare Ciampa e fornire al marito l'"occasione" del misfatto, così da poterlo cogliere in flagrante. Il piano non va a buon fine, e la situazione sembra capovolgersi contro la signora Fiorica; al punto che Ciampa, furioso per l'onta subita, tenterà l'omicidio della moglie e di chi l'ha infamata, per poi suggerire, in combutta con i parenti della signora, di spedire la protagonista in manicomio. 

Tema centrale è quello dell'Onore, il "pupo" ovvero la maschera pirandelliana; è il motore che spinge Ciampa ad impugnare l'accetta contro chi ha minacciato. Ma ecco che la condizione dei personaggi della commedia si eleva a status universale: l'uomo è costretto a rapportarsi con i simili nelle sembianze del proprio "pupo" (una Weltanschaung ben enfatizzata dalla scenografia scelta, ricca di specchi), anche se poi, quando non deve fare i conti con una vita extrafamiliare, lo detesta. Una commedia che, dietro all'umorismo sottile, va insinuando con asprezza che la verità sia ormai pura prerogativa del pazzo, che ha il diritto di gridare in faccia a tutti la verità.

L'originalità della rappresentazione è da apprezzarsi soprattutto dal punto di vista linguistico. Quella di una lingua "sicilianeggiante" è una scelta importante: denota un'interessante ricerca a livello intellettuale, e una volontà di resa ancora maggiore del realismo pirandelliano - che talvolta di fatto scade nell'assurdo (ma non senza una buona ragione). Scelta, però, che talvolta rende meno efficace la comunicazione con il pubblico. Il risultato è per la maggior parte interessante; un Pirandello ben accentuato ed adeguatamente reso nei suoi tratti tradizionali.

GIULIA OLINI- 4 LICEO VIDA

Un pavimento rosso lucido, otto invadenti specchi, una donna disperata e sdraiata su un divano classicheggiante. Questo il principio della rivisitazione de “Il Berretto a Sonagli” firmata da Valter Malosti e portata in scena al Teatro Ponchielli l’8 e 9 marzo. Malosti già noto al pubblico per la regia de  “La scuola delle mogli” di Moliére, si è rapportato per la prima volta con  Pirandello, drammaturgo siciliano per eccellenza,  compositore di opere eclettiche, uniche e intramontabili. La scena si apre con Beatrice Fiorica (Roberta Caronia) che disperatamente in lacrime è stesa sul divano. Lei, donna gelosa, insoddisfatta e vittima di una vita forse troppo esigente nei suoi confronti, è convinta che il marito la tradisca con la moglie del proprio scrivano Ciampa (Valter Malosti). Quest'ultimo, protagonista dell’opera e personaggio coinvolgente, drammaticamente comico e incredibilmente egocentrico farà tutto il possibile per difendere il suo buon nome  creando intrecci e situazioni tra le più improbabili coinvolgendo i parenti di Beatrice e la moglie stessa.

Sottile è il confine tra la tragicità e l’arguzia e a ciò contribuisce il fatto che la pazzia risulta essere fin dall’inizio il tema cardine e al contempo di sfondo dell'intera opera. A questo proposito la scena nasce e si sviluppa su una piattaforma con motivi labirintici che riprende a pieno i complessi “entrelassement” della trama pirandelliana. Otto grandi pannelli di specchio rettangolari circondano dall'inizio alla fine gli attori quasi a ricordare loro l'importanza della propria immagine, vero movente di ogni azione e parola. Il primo attore della commedia risulta essere però il dialetto siciliano che detta legge in ogni frase; ammalia e rapisce lo spettatore che non può far altro che sentirsi parte della narrazione e prendere le parti di uno o l'altro personaggio. Amore, vendetta, dramma e humor nero caratterizzano questa trasposizione che appare azzeccata e interessante fin dal primo attimo. Lo spettacolo si conclude con una malefica, selvaggia e infamante risata di Ciampa che riporta lo spettatore alla realtà  e lascia un certo amaro in bocca che fa meditare e porre un vitale interrogativo “Chi è il vero pazzo?”

LAURA SOFFIANTINI- 5 LICEO MANIN

«Tutte donne, e tutte uguali!» sentenzia il personaggio di Fifì (Vito Di Bella) dal palco del Ponchielli la sera di martedì 8 marzo. Scelta di certo non casuale quella di uno testo pirandelliano in cui il confronto tra i generi è cardine portante. Beatrice Fiorica (Roberta Caronia) certa del tradimento del marito – lo stimatissimo Cavaliere – intende esporre denuncia, pronta alla separazione, decisa ad abbandonare la casa coniugale. Il fratello Fifì, ancora ignaro del progetto, dà voce alla visione tradizionale – siamo nella Sicilia di inizio Novecento – dei rapporti di coppia: non solo legittima le scappatelle del cognato ma accondiscende tacitamente a relazioni di meschina ipocrisia. Ognuno in società ha da difendere il tipo umano, il «pupo», che incarna, benché, in coscienza, lo disprezzi. Beatrice, invece, tra svenimenti, fobie e ripensamenti che smorzano con una comicità leggera riflessioni di carattere sociale e culturale, macchina di scatenare uno scandalo. Il Cavaliere è arrestato con l’amante, ma presto rilasciato. Fifì, mammà (Paola Pace) e Fana (Cristina Arnone), la fedele domestica, non si spiegano le cagioni dall’infamante pazzia di Beatrice. Sono personaggi che Pirandello alleggerisce da qualsivoglia grigiore moralistico: Fifì accumula debiti di gioco, mammà par svolazzare in un paludamento rosa antico e Fana erompe in trilli di disperata agitazione. L’unica soluzione che si prospetta per tale disonore è suggerito da Ciampa (Valter Malosti), marito dell’amante del Cavaliere e, dunque, ugualmente raggirato. Si fingerà che Beatrice sia uscita di senno e si provvederà per un ritiro in una casa di riposo. Il berretto a sonagli è simbolo di un archetipo narrativo di immensa fortuna letteraria: il savio che urla la verità e, proprio per questo, è condannato come folle. Riflessioni circa il non-senso di una tale realtà grottesca che nutrono tanta parte del teatro di Pirandello. «Il berretto a sonagli», composto nel 1916, gode di un vivace e brillante adattamento di Valter Malosti e del gruppo del Teatro di Dioniso. Un accurato lavoro sul testo risposto, secondo la versione originale, in dialetto siciliano. Ottimo.

17 Marzo 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000