il network

Martedì 20 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


NEW YORK

Onu, le ultime ore a New York per la delegazione cremonese

Onu, le ultime ore a New York per la delegazione cremonese

NEW YORK - Inizia la discesa verso il ritorno a Cremona per il gruppo di sessanta giovani cremonesi Ambasciatori alla sede dell'ONU. Ieri gli studenti di Manin, Aselli, Itis e Ghisleri hanno avuto l'occasione di assistere a una conferenza nella sala delle assemblee generali al Palazzo di Vetro. Le delegazioni dei giovani in trasferta - suddivisi in gruppi che rispondono a diverse aree geografiche - hanno ricevuto diversi premi di merito, dopo la votazione di soluzioni operative sui problemi più disparati: dall'inquinamento atmosferico, alla guerra del Medio Oriente. Dal commercio di armi alla fuga dei giovani verso 'isole' economicamente avanzate. «Controlli di sicurezza serratissimi - ha commentato Simone Bodini a margine della prima conferenza al Palazzo di Vetro -, come era prevedibile. È stato dato spazio al merito diplomatico, con il risultato di una giornata bellissima ed entusiasmante sotto molti punti di vista». La risoluzione vincente, che non è ancora stata rivelata, andrà direttamente sotto le mani della commissione delle Nazioni Unite, che proverà a dare seguito al lavoro dei giovani Ambasciatori, trasferendo le loro idee in un piano diplomatico concreto e reale. La delegazione di cremonesi ha visitato il MOMA, prima della Delegate Dance, un ritrovo fra tutti i delegati in trasferta in America. Un ballo all'americana, con la sfilata delle bandiere che ha tenuto banco fino a tarda notte. Tutto come da film tipicamente a stelle e strisce. Non sono mancati i momenti di svago, sotto una neve pungente, tra visite libere alla metropoli statunitense e pattinaggio sul ghiaccio. Domani sarà l'ultimo giorno di permanenza negli States, prima del rientro a Cremona, che avverrà a notte inoltrata. Ma fra le decine di giovani Ambasciatori, l'entusiasmo non si è ancora spento. "Vogliamo vivere questa esperienza fino in fondo, alla partenza penseremo domani", commenta uno studente ancora prima di rientrare a Cremona.

20 Marzo 2017