il network

Domenica 19 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:


VOLLEY A1 FEMMINILE

Pomì, vittoria al tie break

Avanti 2-0 le rosa, si fanno riprendere sul 2-2 da Firenze poi vincono al quinto

Pomì-Firenze: ore 20,30 PalaRadi

Un muro di Pincerato e Mio Bertolo

CREMONA - Missione compiuta per la Pomì che vince 3-2 contro Firenze: (25-21, 25-19, 21-25, 16-25, 15-13). Da segnalare, tra il primo e il secondo set il flash mob in opposizione alla disputa della Supercoppa Italiana di calcio in Arabia Saudita che ha portato tutte le donne presenti al PalaRadi, squadre ed arbitro comprese, nella "gabbia" del palazzetto.

STARTING SIX
POMI' CASALMAGGIORE: Pincerato, Carcaces, Kakolewska, Cuttino, Marcon, Arrighetti, Spirito (L).
IL BISONTE FIRENZE: Dijkema, Sorokaite, Alberti, Lippmann, Daalderop, Popovic, Parrocchiale (L).

1 set - titolarità per Cuttino e, panchina giustificabile solo con una punizione per Rahimova (che ha svolto regolarmente il riscaldamento) mentre Marcon dà fiato a Bosetti in vista del doppio impegno con Busto. Il cambio palla domina la scena in avvio ed è il servizio di Kakolewska a dare il la alla prima fuga Pomì sul 6-3. Firenze non tiene nemmeno un pallone e trova quasi solo nel pallonetto la via del taraflex agevolando il compito di una buona Pomì che sull'errore di Lippmann va in panchina sul 13-8. Un paio di passaggi a vuoto in cambio palla impediscono alla Pomì di prendere ulteriore margine ed avvicinano pericolosamente Firenze sul 17-15 dell'errore di Carcaces ma le rosa reagiscono prontamente con la conversione di Kakolewska e l'ace di Arrighetti per il 20-15 del time out Caprara. Gli errori di Cuttino forzano il time out Gaspari sul 20-18 ma Firenze non accorcia mai sotto le due lunghezze di svantaggio e le rosa chiudono con Arrighetti per il 25-21.

2 set - dopo il flash mob in opposizione alla disputa della Supercoppa Italiana di calcio in Arabia Saudita che ha portato tutte le donne presenti al PalaRadi, squadre ed arbitro comprese, nella "gabbia" del palazzetto, la Pomì riprende la propria marcia. Ordine e pulizia sono le direttrici del gioco rosa e Firenze dà timidi segnali di reazione per il 4-4 prima che le rosa prendano il comando delle operazioni per l'11-6 che vale il time out Caprara. Casalmaggiore, più per demeriti propri che per meriti altrui si inguaia con gli errori che valgono l'11-10 ma è brava ad uscire dal pantano con il nuovo acuto (ottime le pipe di Carcaces) che vale il 15-10 del time out Caprara con annesso ingresso di Degradi per Lippmann e Candi per Alberti. Quando tutto sembra apparecchiato per il 2-0 è ancora lo spirito masochista della Pomì ad emergere rovinando la festa per il 17-15 del time out Gaspari. Firenze avrebbe la palla del pareggio ma spreca e la Pomì non perdona tornando prepotentemente avanti sino al 25-19 finale.

3 set - Candi resta per Alberti mentre Lippmann riprende posto in campo e per la prima volta nella serata la Pomì si trova a rincorrere, seppur di un'incollatura. Le rosa faticano a tenere a muro le uscite di Dijkema e a dar qualità al proprio contrattacco passando dal 4-2, unico vantaggio locale, al 7-9 in perenne inseguimento. Cuttino palesa tutti i propri limiti ed il muro-difesa non azzecca più una soluzione per frenare la corsa delle toscane sino al 12-16. Casalmaggiore induce il time out Caprara sul 14-16 ma sembra non avere idee per andare oltre e torna da Gaspari sul 16-20 con Cuttino ormai assente dagli score da un po' e l'attacco che fatica terribilmente a mettere palla a terra. Firenze conduce in porto il set senza affanni con il pallonetto del 21-25.

4 set - l'apatia del set precedente si trascina anche nel successivo con Firenze galvanizzata dal rientro e Casalmaggiore visibilmente depressa. Radenkovic rileva Pincerato ma il disastro rosa non si placa e Gaspari ci prova col time out quando il tabellone recita 4-9. Bosetti rileva Marcon dopo uno scontro con Carcaces ma il set sembra compromesso, specie perchè la Pomì perpetua errori ed imprecisioni prima di dare timidi segnali di vita sull'8-11. Sull'11-18 Gaspari mette da parte la punizione e manda in campo Rahimova per Cuttino ma ormai il solco che conduce al tie break è tracciato e Casalmaggiore non ha più forze e idee per recuperare chiudendo sul 16-25.

Tie Break - quinto set non adatto ai deboli di cuore con Firenze sempre avanti di un'incollatura e la Pomì a rincorrere sino all'ace di Rahimova che spinge nuovamente avanti le rosa sull'11-10. Finale tirato con la Pomì che chiude 15-13 dopo essere andata sotto sul 12-13.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

15 Gennaio 2019