il network

Sabato 22 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CALCIO IN LUTTO

E' morto Titta Rota, scoprì Cabrini

Giocatore e allenatore, guidò la Cremonese dal 1970 al 1976

E' morto Titta Rota, scoprì Cabrini

BERGAMO - È morto a Bergamo nelle prime ore del mattino Battista Rota, detto Titta, ex giocatore e allenatore dell’Atalanta. Era nato in città il 18 luglio 1932. Cresciuto nell’oratorio di Borgo Palazzo, fu terzino destro dei nerazzurri dal 1950 al 1954, segnando 5 gol in altrettante partite da centravanti nel finale di campionato della sua stagione d’esordio, e poi dal 1961 al 1964, vincendo la Coppa Italia del 1963 che a tutt'oggi rimane l’unico trofeo nella bacheca del club.

Bologna e Spal le altre sue tappe da calciatore, prima di una lunga esperienza in panchina. All’Atalanta evitò la retrocessione in C nel 1969-70, quindi la riportò in A nel 1976-77 lasciandola nel 1980. Durante il periodo da allenatore alla Cremonese (dal 1970 al 1976) fu lui a scoprire Antonio Cabrini. Rota, due presenze in Nazionale alle Olimpiadi di Helsinki del 1952, dove fu convocato insieme all’altro atalantino Giancarlo Cadè, fu anche commentatore televisivo e presidente del Club Amici dell’Atalanta dal 1990 al 2003.

10 Luglio 2018

Commenti all'articolo

  • Vanni

    2018/07/10 - 15:03

    Un grandissimo intenditore di calcio , per noi di Cremona tifosi della Cremonese è stato un privilegio averlo avuto come allenatore .Grazie Titta , che la terra ti sia lieve .

    Rispondi