il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY, SERIE A1 FEMMINILE

Pomì, esordio da incubo: Conegliano passa 3-0 al PalaRadi

Partita negativa per le rosa, l'Imoco vince senza troppi sforzi (22-25; 20-25; 18-25)

POMI' CASALMAGGIORE - IMOCO CONEGLIANO

CREMONA - Esordio peggiore si faticava pure ad immaginarlo. Nonostante le assenze e le giustificazioni nessuno avrebbe immaginato una Pomì così negativa al cospetto di una Conegliano che di certo sarà una corazzata ma che al PalaRadi ha banchettato senza nemmeno esprimere tutto il proprio potenziale. Le rosa hanno fatto poco o nulla per cambiare l'andamento di un match che è stato in equilibrio solo quando l'Imoco ha alzato il piede dall'acceleratore. Ora serve cercare di recuperare le energie e mettere progressi nel motore perchè sabato si va a Scandicci da una Savino del Bene capace di concedere solo 40 punti in tre set a Modena all'esordio.

L'attesa è finita, il pubblico è quello dei grandi eventi, dell'esordio e, soprattutto, del big match che vede impegnata la Pomì contro la corazzata Imoco Volley Conegliano. Santarelli perde Fabris, frattura al dito, e schiera dunque De Kruijf in sestetto per Danesi e sostituisce la croata con Nicoletti mentre Abbondanza recupera in extremis Starcevic accomodando in panchina Zeng e confermando, per il resto, il sestetto annunciato.

1 set - la tensione contraddistingue i primi scambi con le squadre contratte e fallose. Starcevic sembra quella più in difficoltà ma Conegliano non pare approfittarne, colpita ripetutamente da un'ottima Guerra per il 7-8. Abbondanza corre ai ripari al primo accenno di fuga ospite con il time out (8-11) ma Starcevic fatica troppo e la Pomì rallenta in cambio palla consentendo all'Imoco di preparare la fuga sul 10-15. Le "rosa" non sembrano avere i mezzi per organizzare il rientro ma l'Imoco tende la mano infarcendo di errori il proprio gioco e passando da coach Santarelli sul 17-18. Le difese di Sirressi ed il braccio armato di Pavan tengono sempre a portata l'Imoco ma la Pomì non sfrutta un paio di ricostruzioni e Abbondanza ferma i giochi sul 20-22. La canadese si inceppa sul più bello con due errori che fanno respirare l'Imoco e conducono al 22-25 dell'1-0 ospite.

2 set - il rientro è tutto di marca locale con Guerra che conferma l'ottimo momento e Conegliano che si infrange sul muro di Rondon per il 5-1 del time out ospite. L'idillio dura poco perchè alle prima sbavature l'Imoco torna a contatto già sul 6-5 e piazza il sorpasso sul 7-8 che costringe la panchina di casa a fermare i giochi. La ricezione resta il tallone d'Achille della Pomì che si arrangia come può per non perdere la scia dell'avversario ma torna da Abbondanza dopo la palla out di Guerra che lancia una Conegliano nulla più che ordinata sul 13-16. Stevanovic prova a tenere la Pomì sulle tracce dell'avversario mentre Guerra lascia il posto a Zeng ma la cinese non bagna l'esordio con una prova memorabile e ripassa la paletta alla veneta sul 17-21. L'Imoco veleggia dritta verso il 2-0 del 20-25 senza che la Pomì opponga particolare resistenza.

3 set - punta nell'orgoglio la Pomì prova almeno a salvare la faccia e ad evitare la debacle. Rondon perde il braccio di Guerra, decisamente in calando, e dopo le schermaglie iniziali perde la bussola faticando a trovare l'intesa con i propri attaccanti per l'8-11 che vale il time out. I due aces fotocopia su Starcevic scavano il solco, materiale e morale, che affossa la Pomì sull'11-16 con Zeng che rileva la croata. La cinese, come nell'apparizione precedente, non desta impressioni positive e torna in panchina poco dopo con Papafotiou che massacra la seconda linea casalese per il 13-20. Abbondanza getta la spugna con il check del 15-22 non avendo più armi a disposizione per rianimare una squadra ora decisamente fuori dal match. L'Imoco prova a metterci del proprio ma la Pomì non ha più battito e chiude malamente il proprio esordio con il tocco di Rondon sul muro subito da Starcevic.

14 Ottobre 2017