il network

Venerdì 21 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CALCIO, LEGA PRO

Maiorino firma la vittoria, la Cremonese resta in testa

I grigiorossi battono 1-0 la Lucchese, identico risultato in favore dell'Alessandria con il Renate e il vantaggio in classifica resta di un punto a due giornate dalla fine

CREMONESE - LUCCHESE

Pesce e Maiorino esultano

CREMONA - La Cremonese conquista tre punti nella sfida con la Lucchese (1-0) e mantiene la testa della classifica con u punto di vantaggio. l'Alessandria, infatti, ha battuto 1-0 il Renate. I ragazzi di Tesser hanno interpretato bene la gara, sono stati bravi a sfruttare (con Maiorino) una delle occasioni e a resistere ai tentativi della Lucchese che nella ripresa ha avuto qualche buona opportunità per pareggiare. 

  • Finisce 1-0
  • 90' quattro minuti di recupero
  • 78' Perrulli ruba palla, va al tiro e manca clamorosamente il raddoppio
  • 70' grossa occasione per Stanco che, dopo un'uscita di Nobile, può calciare a porta libera. Dermaku ci mette una pezza
  • 69' si rifa sotto la Cremonese con un tiro centrale, parato, di Brighenti
  • 58' spinge la Lucchese. Marconi devia in angolo un tiro di Bruccini
  • 53' la Lucchese ha iniziato bene la ripresa. De Feo e Raffini (di testa) gli autori dei primi due tentativi. Molto pericolosa l'azione che ha avuto come protagonista Raffini
  • Secondo tempo
  • Fine primo tempo
  • 35' la Lucchese alleggerisce la pressione. Tiro fuori di De Feo
  • 32' altra conclusione di Cavion, questa volta il pallone manca il bersaglio grosso
  • 30' la Cremo insiste, Nobile para su Cavion
  • 27' GOL DELLA CREMONESE - Il gol era nell'aria ed è un gran gol. L'1-0 porta la firma di Maiorino, abile a girarsi in area e a beffare con un sinistro a giro il portiere
  • 26' grigiorossi all'attacco, Scappini liscia in area su bell'invito di Cavion
  • 24' botta risposta tra Cremonese e Lucchese. Tiro di Pesce ribattuto da un difensore, ripartenza dei toscani con Ravaglia che stoppa Gargiulo
  • 17' timido attacco della Lucchese. Ravaglia senza problemi su Tavanti
  • 15' tre occasioni per la Cremonese in rapida successione. Un tiro di Maiorino viene ribattuto da un difensore palla a Procopio che spara alto. Sull'azione successiva, Nobile para il tiro centrale di Maiorino
  • 6' pur senza arrivare al tiro, la Cremonese mantiene l'iniziativa
  • 2' tentativo anche di Brighenti, bravo a girarsi e calciare, con pallone fuori di poco. Grande inizio della Cremonese
  • 1' subito Cremonese in attacco con un tiro fuori di Scappini
  • Fischio d'inizio. E' stato osservato un minuto di silenzio per la morte del ciclista Michele Scarponi

Classifica: Cremonese p.75, Alessandria 74, Arezzo 64, Livorno 63, Giana Erminio 60, Piacenza 57, Como 55, *Viterbese 52, Renate 50, Lucchese e Pro Piacenza 48, Pistoiese e Pontedera 42, *Robur Siena 39, Carrarese 38, Tuttocuoio 37, Olbia e Prato 36, Lupa Roma 31, Racing Roma 29 *un gara meno

Risultati: Como-Lupa Roma 2-1, Cremonese-Lucchese 1-0, Piacenza-Livorno 0-0, Tuttocuoio-Racing Roma 2-1, Pistoiese-Olbia 0-1, Giana Erminio-Pro Piacenza 1-2, Alessandria-Renate 1-0, Arezzo-Prato 1-2, Carrarese-Pontedera 2-0, Siena Viterbese (domenica 23 aprile ore 16.30)

LE FORMAZIONI
Cremonese: Ravaglia, Salviato, Canini, Marconi, Procopio, Cavion, Pesce (67' Perrulli), Porcari, Maiorino (55' Ferretti), Brighenti, Scappini (Stanco). A disposizione: Bellucci, Galli, Lucchini, Stanco, Stanghellini, Moro, Talamo, Perrulli, Scarsella, Ferretti, Bastrini, Redolfi. All. Tesser.
Lucchese: Nobile, Tavanti (84' Bragadin), Capuano, Mingazzini (74' D'Auria), Fanucchi, Nolè, Bruccini, Espeche, Gargiulo (46' Raffini), De Feo, Dermaku. A disposizione: Di Masi, Brusacà, Merlonghi, Raffini, D'Auria, Ronchi, Bragadin, Cannoni, De Martino. All. Lopez.
Arbitro: Massimi di Termoli (assistenti: Scarpa di Reggio Emilia e Angotti di Bologna).

22 Aprile 2017

Commenti all'articolo

  • Mino

    2017/04/25 - 10:10

    " Il presidente dell'Allessandria Di Masi, invoca l'onesta dei giocatori del Livorno. " Chi invoca l'onesta' di qualcuno, implicitamente sostiene che, quel qualcuno, possieda una latente disonesta'! Un'affermazione offenssiva e denigrante verso i giocatori del Livorno che la Federazione non puo' ignorare. Inoltre, mi pare di ravvisare un modo ed un comportamento di " sleale concorrenza sportiva " attuata nei confronti della Cremonese. Di Masi, poiche' non riesce a battere i grigiorosi sul campo, vuole usare l'arma psicologica del " boia chi molla " addebitando ai giocatori del Livorno " una disonesta' in caso di sconfitta "! La Federazione e La Lega Pro, non possono condividere le affermazioni di Di Masi: l'onesta' uno ce l'ha o non ce l'ha per natura, non gliela puoi inculcare con una conferenza stampa per ottenere un " feed back " a tuo vantaggio! La " sparata " di Di masi, dimostra l'insicurezza ed il timore di una squadra che come un pezzo di ghiaccio si e' sciolta al primo sole!

    Rispondi