il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CALCIO LEGA PRO

Cremonese 1 Pontedera 1: i grigiorossi scivolano a meno 6 dall'Alessandria

La squadra di Tesser spreca l'iniziale vantaggio e nel finale è anche sfortunata cogliendo due volte la traversa

Cremonese 1 Pontedera  1: i grigiorossi  scivolano a meno 6 dall'Alessandria

Una delle tante occasioni della Cremonese

CREMONA - Finisce 1 a 1 tra Cremonese e Pontedera, l'Alessandria vince in casa e allunga a +6 in classifica sui grigiorossi. Una partita non bella, nonostante il vantaggio iniziale di Brighenti, al quale i toscani hanno replicato quasi subito.
Nella ripresa, un palo clamoroso di Santini ha fatto venire i brividi alla squadra di Tesser, prima del forcing finale con tante occasioni, due traverse (una di Maiorino e una clamorosa di Brighenti). Speranze di evitare i playoff ormai striminzite. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

LA PARTITA IN PILLOLE

  • Partita finita
  • 94' Scappini ( Cremonese) atterra un avversario. L'arbitro fischia una punizione in favore degli avversari
  • 90+4 quattro minuti di recupero
  • 89' Brighenti (Cremonese) effettua un tiro in porta che viene parato
  • 87'  Scappini (Cremonese) effettua un tiro in porta che viene parato
  • 86' Brighenti (Cremonese) effettua un tiro in porta che viene parato 
  • 85' Tiro in porta di Maiorino (Cremonese) che colpisce il palo
  • 84' Tiro fuori di Maiorino (Cremonese)
  • 82' Tiro fuori di Cavion (Cremonese)
  • 77' Cavion (Cremonese) si procura un calcio di punizione
  • 75' Calò (Pontedera) effettua un tiro in porta che viene parato
  • 71' Kabashi (Pontedera) effettua un tiro in porta che viene parato
  • 68' Tiro in porta di Santini (Pontedera) che colpisce il palo
  • 67' Sostituzione nella Cremonese: entra Maiorino esce Stanco
  • 67' Salviato (Cremonese) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario
  • 65' Marconi (Cremonese) viene ammonito
  • 60' Sostituzione nella Cremonese. Entra Scappini esce Perrulli
  • 58' Tiro fuori di Pesce (Cremonese) 
  • 55' Tiro fuori di Moro (Cremonese)
  • 55' La Cremonese guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere
  • 54' Della Latta (Pontedera) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario
  • 52' La Cremonese guadagna un calcio d'angolo
  • 52' Stanco (Cremonese) effettua un tiro in porta che viene parato dal portiere avversario
  • 50' L'arbitro giudica irregolare l'intervento di A. Gemignani (Pontedera) su Brighenti (Cremonese)
  • 47'  Tiro fuori di Perrulli (Cremonese)
  • Fine primo tempo (il direttore di gara fischia la fine del primo tempo in anticipo di un minuto. Su segnalazione dei capitani rettifica la decisione e riprende il gioco sino al 49 minuto)
  • 45+4 (quattro minuti di recupero)
  • 40' Salviato (Cremonese) atterra un avversario. L'arbitro fischia una punizione in favore degli avversari
  • 33' Pontedera guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere
  • 30' Procopio (Cremonese) viene ammonito
  • 26' Sostituzione nella Cremonese: entra Cavion esce Belingheri
  • 22' La Cremonese guadagna un calcio d'angolo alla destra del portiere
  • 21' Tiro fuori di Moro (Cremonese)
  • 19' Santini (Pontedera) viene ammonito
  • 17' GOL del PONTEDERA: rete di Corsinelli sull'importante assist di A. Gemignani
  • 14' Tiro fuori di Calcagni (Pontedera)
  • 5' GOL della CREMONESE: rete di Brighenti sull'importante assist di Perrulli
  • 3' Tiro in porta di Stanco (Cremonese) che colpisce il palo
  • 2' Pontedera guadagna un calcio d'angolo alla sinistra del portiere

CREMONA - Attilio Tesser non è mai venuto a lamentarsi e non intende farlo nemmeno ora. Oggi la Cremonese affronterà allo Zini al Pontedera (ore 14,30) e tutti penseranno a pochi, decisivi dettagli. Prima di tutto che occorrono i tre punti per riscattare il ko di Pistoia, in secondo luogo che la corsa sull’Alessandria possa sempre riservare una svolta o comunque restare aperta. Di sicuro, una delle prime cose che balzeranno all’occhio sarà la formazione grigiorossa. Mancano sicuramente Lucchini, Porcari e Ferretti ma la squadra grigiorossa non è al top, qualche problema di formazione c’è. Nel senso di uomini nel loro ruolo naturale. «Pesce è rimasto fermo i primi due giorni di lavoro ma ha ripreso, pur con qualche fitta che lo perseguita al costato. Abbiamo altri problemi, ma farò il punto poco prima della gara. Qualche cambiamento potrebbe esserci. Ad esempio ho scelto di dare spazio ancora a Stanco perché utile in questo tipo di gara». Non si sbottona più di tanto Tesser sulla formazione, segno che ci sono ruoli ancora scoperti su cui non c’è ancora una soluzione. «Ma niente paura, il messaggio che voglio dare io è positivo, perché non importa chi gioca o se siamo in emergenza, quello che conta è la risposta del gruppo. Come esempio porto quello di Riccardo Galli che inaspettatamente si è ritrovato titolare facendosi vedere pronto. Lo spirito del gruppo deve essere questo: saper rendere nulle le difficoltà». Oltre alle difficoltà legate alla formazione, ci sono quelle che porrà il Pontedera. «Penso che il concetto che tutte le gare siano battaglie sia stato recepito. In tutti i gironi di Lega Pro le squadre di vertice fanno fatica e le sorprese sono ovunque. In questa fase finale non si parla più di gioco ma di aggressività, di battaglia e lo abbiamo visto sia a Pistoia, sia altrove. Sta a noi portare la gara dal lato nostro, con grinta e soprattutto con serenità, fondamentale per non cadere in errori e peggiorare la situazione». Allo Zini arriva un Pontedera in cerca di sicura salvezza con un calendario costellato di big. «Loro sono sempre stati a metà classifica, sono una squadra equilibrata e dinamica, con marcature a uomo feroci in tutte le zone del campo. Il dinamismo è la loro qualità, sono un avversario scorbutico, con qualche qualità tecnica». A proposito di non commettere errori, la Cremonese trascina ancora qualche problema. Vedi il secondo gol incassato a Pistoia. «Quello in effetti è stato un grande errore, una disattenzione grossa su cui abbiamo lavorato molto in settimana. Per migliorare sulle palle in uscita in cui è facile perdere le marcature. Errori che nascono solo dalla concentrazione a mio avviso, non perché non sappiamo che posizioni tenere. Al di là del gol però non posso dimenticare che abbiamo avuto parecchie occasioni per segnare. Andare sotto è un problema, così come rincorrere l’Alessandria. Inseguire è sempre più difficile. Nessuno ci sta ad andare sotto, parlo sempre di concentrazione e di cattiveria nel fare le cose». Il ciclo decisivo potrebbe essere quello che si chiude a Pasqua? «Nel calcio dei tre punti i calcoli contano poco, la parola d’ordine è guadagnarne il più possibile, perché basta una gara negativa per rovinare tutto, così come basta una gara buona per tornare su. Chiaro che tante gare ravvicinate richiederanno sforzi notevoli». A proposito di serenità, ad Alessandria c’è allerta massima. «L’Alessandria cerca da due anni il salto e magari qualcuno intravvede i fantasmi del passato. L’ambiente aiuta tantissimo, specie i giocatori quando vanno in campo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

25 Marzo 2017

Commenti all'articolo

  • Mino

    2017/03/27 - 14:02

    A proposito di opinioni e critiche, qualche giornalista accreditato saprebbe rispondere alla domanda, " Cosa sta succedendo a Ravaglia? " Per la seconda volta consecutiva, la prima a Pistoia in occasione del rigore, guarda il pallone entrare in rete senza muovere un dito. La seconda " non parata ", quella del goal realizzato dal Pontedera, è ancora più macroscopica ed incredibile per l'immobilità del portiere grigiorosso! Chi avesse dei dubbi è invitato a visionare i filmati della Lega Pro. Io credo che questi " mancati interventi " non facciano parte del bagaglio tecnico di Ravaglia. Improvvisamente il suo immobilismo sui sopracitati goals subiti mi sembra strano e non in linea con l'impegno che la squadra sta mettendo per riprendere la marcia verso la promozione in B. Il ruolo del portiere di una squadra di calcio, è come una spada a doppio taglio: può far bene come può far male, soprattutto alla propria squadra. In un recente passato Cremona ha già pagato a causa di ...

    Rispondi

  • cristian

    2017/03/26 - 20:08

    Ma siamo tutti deficenti noi "spettatori" in curva sud? Maiorino e Perrulli DEVONO giocare insieme? In Italia si dice che ci siano 60 milioni di allenatori professionisti .... E nessuno di loro allena la Cremonese! Sbaraini Cristian

    Rispondi

    • Mino

      2017/03/27 - 14:02

      Cristian, secondo te, Maiorino e Perrulli devono o non devono giocare insieme?

      Rispondi

  • Mino

    2017/03/26 - 16:04

    Egregio Signor Staboli, mi fa piacere leggere nel Suo articolo odierno, su US Cremonese, che abbiamo idee ed opinioni in comune sulla Cremo'.

    Rispondi

  • Mino

    2017/03/26 - 01:01

    I grandi allenatori di calcio, sono concordi nel giudicare " pali e traverse " come tiri sbagliati.

    Rispondi

  • Mino

    2017/03/25 - 17:05

    Anche il Pontedera ha colpito una traversa, per onor del vero.

    Rispondi

Mostra più commenti