il network

Martedì 28 Marzo 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY, SERIE A1 FEMMINILE

La Pomì si impone 3-1 su Scandicci

Ultima di regular season al PalaRadi, ora basta un punto per certificare il secondo posto

La Pomì esulta nel match con Bergamo

CREMONA - Nell'ultima partita di regular season andata in scena al PalaRadi la Pomì infila la quarta vittoria consecutiva e certifica l'avvenuta guarigione dopo un periodo di convalescenza. Le ragazze di Caprara vincono meritatamente in quattro set contro Scandicci mettendo in mostra un'ottima intesa di squadra e una buona capacità di adattamento alle situazioni di gioco costringendo le toscane alla resa. Ora basta un punto per certificare il secondo posto con l'ipotesi di un doppio incrocio con Busto (semifinali Cev e, ove battesse la decima, quarti playoff scudetto) che si fa sempre più consistente.

ALTRE PARTITE: NOVARA-CLUB ITALIA 3-0; FIRENZE-MONTICHIARI 3-1; BOLZANO-BERGAMO 3-0; MONZA-BUSTO 3-2.

LA PARTITA - Beltrami lancia nella mischia Adenizia nonostante la frattura alla base della falange del quinto dito della mano sinistra rimediata settimana scorsa confermando dunque il sestetto tipo; stessa cosa fa coach Caprara che accorda fiducia a capitan Tirozzi in diagonale con Lloyd come in apertura di match con Stoccarda.

1 set - il cambio palla tradisce la Pomì in avvio con Cruz che scava il primo solco sensibile per il 3-0 ospite propiziato da Meijners ma la Pomì riordina presto le idee, torna a contatto (8-9) e mette la freccia con il servizio di Guerra che prima con l'ace e poi con la ricezione negativa permette a Casalmaggiore di portarsi avanti. Se la ricezione fatica a contenere il servizio toscano allo stesso modo la battuta della Pomì, specie con i battitori al salto, mette in difficoltà la seconda linea orchestrata da Merlo e ancora con Guerra scrive il break del 20-18. Caprara ferma i giochi dopo il contrattacco di Meijners per il 20-20 ma al rientro Stevanovic ci mette la difesa su Meijners e l'ace del 23-20. Sembra fatta con l'errore di Arrighetti del 24-20 e invece la Pomì pasticcia passando nuovamente da Caprara per il 24-23 che anticipa la parallela vincente di Bosetti che chiude il primo set.

2 set - l'ace di Stevanovic sembra lanciare la Pomì nel secondo set ma Scandicci, rientrata con Loda per Cruz, domina le palle sporche e quando Meijners replica alla serba dai nove metri ecco che le toscane sono 3-6. Le "rosa" non si scompongono, toccano bene a muro e difendono con maggior efficacia riprendendo l'avversario già sul 6-6 e iniziando un altro testa a testa senza fughe sino al 13-13. Caprara ferma i giochi sul tentativo di fuga ospite (14-16) ma è il servizio di Tirozzi a segnare il nuovo aggancio (16-16) che mantiene le squadre a contatto a suon di cambio palla sino all'ennesimo contrattacco di Meijners che sul 19-21 esaurisce i time out Pomì. Stavolta Tirozzi e socie non trovano più la scia dell'avversario sprecando il contrattacco del possibile 22-23 e subendo da Havlickova il 23-25 dell'1-1.

3 set - Stevanovic raccoglie dai nove metri quello che non fattura in fast trascinando la Pomì al primo vantaggio sensibile certificato dal muro di  Gibbemeyer per l'8-6 e quando anche Bosetti trova fortuna al servizio Beltrami ferma i giochi (10-8). Guerra risponde ad ogni colpo delle toscane e quando Tirozzi trasforma in oro una brutta palla di ricostruzione ecco che il 14-11 esaurisce le sospensioni ospiti. Tre pasticci delle padrone di casa ed ecco che è Caprara a dover fermare i giochi (14-14) prima che Scandicci renda il favore e sull'errore di Arrighetti (sostituita da Crisanti) la Pomì si trovi nuovamente sul 18-15. Rondon mura Tirozzi per il 19-17 ma le rosa non si scompongono e grazie ad altre due sbavature ospiti tornano avanti con margine sul 21-17. Stavolta la fuga è definitiva con il contrattacco che punisce una Scandicci claudicante in fase muro-difesa sino al 25-19 di Guerra.

4 set - Crisanti resta in campo per Arrighetti ma Scandicci sembra la stessa che ha finito il terzo set con la Pomì che prova la fuga sul 5-2 che vale il cambio Zago-Havlickova. Sono più le sbavature delle padrone di casa che i meriti delle ospiti nel 5-5 ma le campionesse d'Europa non si scompongono e con poco ritrovano il vantaggio confortante sul 10-6. Zago vuole farsi rimpiangere e riporta le ospiti a contatto praticamente da sola con Crisanti che ci mette il muro e Loda la conversione del 12-12. La partita diventa nervosa, Caprara si prende un giallo e Scandicci sorpassa tenendosi avanti con un paio di sviste arbitrali che caricano la Pomì per il muro di Gibbemeyer e il contrattacco di Tirozzi che valgono il time out Beltrami sul 16-14. Zago tiene Scandicci in scia ma la Pomì si riserva sempre il diritto di replica e alla prima occasione prova a staccare nuovamente con Bosetti che vale il 22-19. Loda pesta dai nove metri per il 24-21 e Tirozzi mette la parola fine all'incontro con il fendente del 25-21.

19 Marzo 2017

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000