il network

Martedì 25 Luglio 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY A1 FEMMINILE

La Pomì espugna Bergamo (3-1)

Foppapedretti battuta al quarto set dopo una gara di grande intensità (19-25; 25-22; 22-25; 15-25)

Foppapedretti Bg - Pomi' Casalmaggiore: ore 20,30 PalaNorda

Il muro della Pomì Casalmaggiore

BERGAMO -Serviva vincere e la Pomì lo ha fatto rischiando il giusto contro una Bergamo che, pur in emergenza totale, ha fatto sudare le campionesse d’Europa con due set tutto cuore. Le ragazze di Caprara hanno fatto tesoro del match di Stoccarda e non si sono perse per strada e hanno chiuso la pratica con un finale di terzo set decisivo.

Nell'anticipo della nona giornata di ritorno in un Pala Norda entusiasta le rosa di Gianni Caprara cercano il ritorno al successo in campionato al cospetto della Foppapedretti Bergamo sulla scia della vittoria infrasettimanale di Coppa Cev in quel di Stoccarda. E' la gara delle grandi assenti, Fabris per le casalasche, sostituita da Turlea, Skowronska e Partenio (Popovic è solo in panchina) nelle fila orobiche.

LA PARTITA - In campo tra le locali la classe 2001 Batista (per la prima linea) che si alterna con l'altra Under Venturnini (in seconda linea) mentre coach Caprara conferma il sestetto di Stoccarda relegando ancora Valentina Tirozzi in panchina.

1 set - E' subito Casalmaggiore a fare la voce grossa (2-4) ma Bergamo si mantiene agganciata grazie alla fast vincente di Guiggi. Serve il video check richiesto da mister Caprara su attacco di Sylla per sancire il primo pareggio bergamasco sul 5-5. Sembra poter prendere il largo Casalmaggiore dopo errore al servizio delle ragazze di Lavarini che poi con Guiggi cestinano una buona occasione a rete (5-7). Gibbemeyer con splendida veloce dietro e a seguire con muro invalicabile su Gennari confeziona il 6-9. E' ancora la centrale a stelle strisce a lanciare le rosa sul triplice vantaggio (8-11). Bergamo ricuce ma due sbavature orobiche lanciano la Pomì sull'11-15 del time out Lavarini che consente alla Pomì di togliersi un po' di pressione e giocare con scioltezza mantenendo il margine ed incrementandolo con l'ennesimo muro vincente che conduce al 16-22 del secondo time out locale. Le "rosa" non hanno problemi a controllare il finale di set e l'errore al servizio di Sylla (7° del set per Bergamo) certifica l'1-0 sul 19-25.

2 set - le campionesse d'Europa faticano a prendere confidenza col secondo set e con qualche imprecisione aiutano Bergamo a scappare sul 5-2 prima che siano le orobiche a rendere il favore con Guerra che con due fendenti riporta a contatto le "rosa". I presupposti dell'aggancio naufragano in una rotazione nefasta per il cambio palla con la Foppapedretti che approfitta del black out per tornare avanti sul 10-6 del time out Caprara. L'elastico riporta la Pomì sull'11-10 prima dell'errore di Guerra per il 10-13 ma le "rosa" sono ormai in corsa e agganciano sul 14-14. Il problema delle ragazze di Caprara è che nella bagarre perdono pulizia di gioco ed efficacia mentre Bergamo si carica e riprova a staccare con due ricostruzioni esemplari per il 20-17. Battista mura Guerra per il 22-19 del secondo time out Caprara ma lo stato confusionale non si sblocca (nemmeno con gli ingressi di Tirozzi per Turlea e Bacchi in battuta per Gibbemeyer) e Bergamo si merita l'1-1 sul 25-22 di Sylla.

3 set - Tirozzi resta in campo al posto di Turlea in diagonale con Lloyd (ma con oneri di ricezione) ma è la Pomì a latitare in un avvio di set che somiglia molto al precedente e vede Bergamo sprintare sul 5-2. Stavolta però le campionesse d'Europa fanno quadrato, sfruttano le amnesie avversarie e appena rientrate in scia mettono la freccia con Tirozzi per il 9-11. Le "rosa" faticano però a scrollarsi di dosso una Bergamo mai doma che tra difese e ricostruzioni tiene al guinzaglio le padrone di casa sino all'incandescente finale di set. Guerra e Tirozzi danno la spinta giusta alla Pomì che con il break point del 20-22 costringe Lavarini al time out. Al rientro le "rosa" non tremano e chiudono il parziale sul 22-25.

4 set - la Pomì prova ad insinuarsi nella delusione orobica per il set perso al fotofinish con il servizio di Tirozzi cruciale per l'1-3 iniziale ma Bergamo non molla un centimetro e torna presto avanti con il 7-6 di Battista. E' ancora una volta il turno al servizio del capitano a spingere la Pomì in fuga con l'ace che certifica il 10-14 del time out Lavarini. Le padrone di casa non riescono ad uscire dall'impiccio con Tirozzi che continua a far danni dai nove metri e costringe la panchina avversaria alla nuova sospensione sul 10-16. Paggi e compagne finiscono la benzina e Casalmaggiore allunga senza troppa fatica sino al 13-21 e chiude sul 15-25.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Marzo 2017